Accolta
Accolta Cap'articulu Interviste Attualità Cultura Crunichette Sport Lingua


Articulu di u numaru 2, marzu di u 2007


English Version
Version française



I vini corsi : una vera pulifunia



Tuttu cuncorre per fà di a Corsica un paradisu vitìculu : una ìsula bagnata da u sole, induve u climu, u rilievu, e terre è a storia sò in armunia per dà orìgine à un territoriu chì ùn s’assumiglia à nisun altru è per dà à i so vini tutta a forza è u so caràtteru isulanu.

Ùn sò nati d’Aostu di u 1975 ind’una cantina vitìcula di a piaghja orientale diventata cèlebre grazia à u so vinu troppu inzucaratu !

A viticultura piglia fiatu quande i Fuceani intrudùcenu a vigna, ci sò più o menu 2500 anni, in Alalia, diventata Aleria, ciò chì face di u vignetu corsu unu di i più vechji di tutti i vigneti metrupulitani. Smenticata dopu à a cascata di l’imperu Rumanu, u vignetu hè torna cultivatu da i Pisani chì ne fàcenu cumerciu cume vinu di messa. Diventata culunia francese da a u tratatu di Versaglia ind’u 1768, a Corsica sviluppa u so vignetu chì cresce finu à 20 000 èttare à u mezu di u XIX° sèculu. U filussera u scompie è e duie guerre mundiali stèrpanu i viticultori.

In l’annate 80 solu u vignetu rinvivisce da i so malanni. Postu in lochi favurèvuli, torna à truvà a so identità à ringrazià à a varietà di i ceppi isulani, à a tenacità è u sapè fà di vignaghjoli spermentati chì accupieranu tradizioni è mudernità.


Calzi micca listessi à l’altri

Quatòrdeci varietà frà e quali trè isulane permèttenu di cumpone leie chì danu à i vini corsi tutta a so singularità : u sciaccarellu, u più corsu di i calzi isulani, presente per u più ind’e parti granìtiche di l’ìsula, Aiacciu è Sartè; u Niellucciu chì hà largamente cuntribuitu à a reputazione di i vini di Patrimoniu, rughjone calcariu induv’ellu si spanna tutalmente; si trova oghje dinò ind’a Corsica Orientale; u Vermentinu chjamatu malvasia di Corsica è chì pruduce vini bianchi d’altìssima qualità; u Muscatu à granellucci arricoltu in Corsica ùn hà nunda ùnicu postu ch’ellu hè prisente in ogni locu in giru à u Mediterraniu, per contra u vinu dolce ch’ellu pruduce, u Muscatu di Capi Corsu, hè una bella rièscita. Qualchì calzi isulani menu cunnisciuti cuntinùvanu à dà vini di caràtteru : Altèicu, Barbarossa, Codivarta, biancu Gentile, Genovese, Riminese. Aghjuntèmuci calzi furesteri cume u Chardonnay, ceppu nòbbile chì dà i megliu à vini bianchi, u Merlot chì porta un caràtteru sòffice è tòndulu, u Cabernet-Savignon assai tànnicu, u Pinot neru putente è dilicatu. Grenache, Syrah, Chenin, Cinsault cumplèttanu a scelta di i ceppi offerta à i viticultori muderni.


Chì avvene per i vini corsi ?

Oghje, a superficie di u vignetu corsu si stende nantu à 7000 èttare è ùn ci hè nisun prugramu di piantazioni in vista, l’ora d’avà essendu nanzu à a strappera. Quì avemu fattu a nostra “rivuluzione culturale” vinti anni fà ! Ci hè quantunque un prublema di vèndite per via di a troppu grande pruduzione naziunale. Per indettu, i vini di Bordeaux o di e Coste di u Ròtanu sò venduti 1,50 euri ind’e grande superficie, à prezzi sìmuli ùn ci hè nisuna màrghjine per u trasportu, e buttiglie o a manutenzione !

A buttiglia di vinu corsu, di livellu primu AOC o vinu di Paese si vende circa 3 euri, da custì grandi difficultà di cumercialisazione. A grande distribbuzione offre vini AOC cun 4 o 5 riferenze nantu à e so scancerie; cun quaterni di càriche severe, u raportu qualità-prezzu hè certu, sò prudutti di rete. In quantu à e cantine particulari, cuncèrnanu una reta di cantine, di restoranti d’altu livellu o cun temi, sò in generale “nichji” per amatori chì ci capìscenu.

In quantu à u mercatu internaziunale, à ghjorni d’oghje, i 2/3 di a pruduzione sò venduti fora di l’ìsula, un 1/3 di u vulume versu l’Auropa di u nordu : Scandinavia, Paese-Bassu, Bèlgica, Alemagna, Realme- Unitu è per assai menu i Stati-Uniti, u Canada è u Sgiappone.

E vèndite di vini cuncèrnanu per u più i bianchi, i rossi è ben intesa i chjarasgini, st’ùltimi assigùranu 60% di u vulume di e vèndite, u raportu qualità-prezzu essendu assai satisfacente è hè dinò una quistione di sìmbulu di l’estate ! Per ciò chì tocca à u muscatu, si ferma sempre un vinu “ cunfidenziale” per chì ci hè poca dumanda, per esempiu, una duzina di cartoni per l’U.S.A. !

Secondu à u Signoru Bernardu Sonnet di l’associu C.I.V.C. « u scopu di u nostru associu hè di dà forza à a prisenza di i vini corsi à l’esteru prupunendu prudutti di e cantine mezzane o più impurtanti, è rendendu fideli mercati cume quellu di e grandi superficie “di gran’- qualità”. A a fine d’Aprile una cunvenzione si tenerà in Aiacciu induve 60 incetatori da u mondu sanu seranu ricevuti da i viticultori chì prisenteranu e so pruduzioni.

Avemu 450 prudutori cumpresi impurtatori, cuuperative è cantine prive. Sta manifestazione permetterà di creà interessu per i vini corsi, di cresce u vulume di u mercatu per cumpensà a calata di e vèndite nantu à l’ìsula”


A strada di i vini

Capi corsu : ci si tròvanu calzi tradiziunali : vini bianchi dolci o secchi sempre da rimarcassi.

Patrimoniu : scrittu à u Gotha di i vini AOC. Deve a so qualità à un pìcculu climu, à u Niellucciu è à u Vermentinu.

Costa Orientale : u più grande vignetu di l’ìsula postu à pedi pruduttivi senza grande caràtteru. Rughjione di grandi cuuparetive.

Porti Vechju : insèmule di Niellucciu, sciaccarellu et Grenache dà rossi eleganti, bianchi esciuti da u Vermentinu secchi è fruttosi.

Sartè : Vinu forti esciuti da calzi di Sciaccarellu, Niellucciu, Barbarossa, Vermentinu.

Calvi : una di e più antiche terre chì prupone rossi pulputi, bianchi è chjarasgini finìssimi.

Lisabetta STUDD, Traduzzione Francescu Perfettini