Accolta
Accolta Cap'articulu Interviste Attualità Cultura Crunichette Sport Lingua


Articulu di u numaru 1, ferraghju di u 2007


« L’autre vie de Pascal Paoli »
Scrittu da Paul Michel VILLA



Fioccanu l’inverni, passanu i seculi, l’omi fieri fermanu.

Finchè a Corsica averà un fiatu mintueremu à Pasquale Paoli, Capu di a Nazione, è feremu rimbeccu à quelli chi si ne scordanu.

Ma l’omu quale era ? Paoli bramava a vita cum’è l’altri, lascendu u core piglià à suprana annantu à u geniu.

Tale hè a lezziò di stu scrittu di Paulu Michele Villa, opara sòmma.

A l’orlu di a lettura abbademu u ritrattu di Richard Cosway dettu “ritratto del generale Paoli” (si trova in Firenza. Galleria Palatina, Palazzo Pitti).

Vi apparisce una forza maiò ma dinò una còlma sensibilità(1). Novantatrè lettere di Pasquale Paoli mandate à Maria Cosway sò state scuperte dà l’autore ind’a cità di Lodi in Italia. Ci avvianu ind’ un mondu spasimatu.

Lettura facendu, Paoli diventa un fratellu allora chi u teniamu solu cum’è U Babbu di a Patria ! Di quale era sta donna chì hà tantu cummossu à Paoli ?

Inglese, nata in Firenza in 1779, Maria Hadfield spuserà in Londra Richard Cosway, pittore digià famosu.

Sarà ella stessa un artista talentuosa è ricunnusciuta. Scalatu in Londra pè u sò primu esiliu inglese, Paoli fù accoltu in casa soia di Schomberg House à mezu à parechji artisti è intelletuali. Sùbitu diventerà pè Paoli un anima garbata.

Cum’ellu si sintia in vicinanza, li scrivia spessu : « Non mi sovienne più quale fosse il tomo dell Illiade di Pope che le mancava, li mando tutti, prendra qualche volume o tutti li ritenga a suo talento. Qual degli Eroi che cadderò vittima della lancia di Achille e del pugnale di Ettore sarà il primo a rivivere nelle sue tele e a vedersi di nuovo oggetto della pubblica Fama e della gloria ? Se alle preghiere e umiliazoni di Priamo Achille concede lo disgraziato cadavere di ettore ogni lacrima che dagl’occhi di questo vecchio Re ella farà versare nelle ferite del figlio avrà forza ed energia da farlo spirare e vivere nel sentimento d’ogni cuor generoso e patriotta… ».

Più tardi a figliola di Maria Cosway sarà chjamata Luisa Paolina, ma si ne morse prematuramente cum’è i nipoti o nipotini di u gran Pasquale : “Sono quattro li nepoti di quel nome chi mi ha rapito la morte immatura e non permise che vivesse il quinto...” (2).

Maria Cosway era una squisita cunfidente : hà incontratu è seduttu una manata d’omi di sanna : Pasquale Paoli, u pittore David, Tumasgiu Jefferson, diventatu Presidente di I Stati Uniti, U Cardinale Fesch... ma Paoli fù forse quellu chì primurava ind’a so amicizia.

Quellu li cuntava tuttu è li parlava ancu di pulitica : “Pare che il vento di Corsica sia sempre sotto la direzzione di spiriti perversi. O Dio quantu sciagure prevedo alla mia povera Patria !”

Da veru Paoli un suppurtava micca l’ingannu di quelli terruristi corsi-francesi cum’è Cristofanu Salicetti chjamatu “Birbò” ind’è una lettera a Maria di marzu 1798.

Cume l’hà scrittu Andria Fazi “si malintesu ci fù, o subitu, o dopu, hè vinutu di sicuru da a parolla “libertà” à a quale Paoli è ì rivuluziunari ùn davanu micca prubalbimente u listessu sensu”(3).

Maria hà spartutu cù Paoli u sò affannu, Pasquale firmò sempre ascultendu a pietosa chjama di Maria, donna divota ma chì si sentia schisa di a Furtuna.

Mi piantu, ùn vale à dì, leghjite stu libru di Paulu Michele Villa : hè maraviglia pura !

Vincenzu STAGNARA

1. Edizione Alain Piazzola. Ghjennaghju 1999.
2. Pasquale Paoli parla di Giacintu Leonetti, figliulinu di a so surella Maria Chiara.
3. Andria Fazi. Pasquale Paoli è a rivuluzione di l’89. Edizione La Marge 1989.