Accolta
Accolta Cap'articulu Interviste Attualità Cultura Crunichette Sport Lingua


Articulu di u numaru 3, Aprile di u 2007



L’apartura di l’Università di Corsica in tempu di Paoli



Di a criazione di un’università in Corsica, ne parlonu in 1735 frà e 29 pruposte di i Corsi à i Genuvesi. Fù rammintata un’annu dopu à a cunsulta di l’Alisgiani. Eppoi ne parlonu torna in Corti à a cunsulta di u 14 di ghjennaghju di u 1749, sottu à Ghjuvan Petru Gaffori, è à l’assemblea generale di a Ghjesgia di Corsica u 18 di ghjennaghju di u 1756.

Paoli cumencia à finanzialla in 1756, cum’ella si vede in una lettara ch’ellu manda à Salvini, listessu ghjornu induv’ellu parla di u locu dettu Finale in Belgudè.

Un dicretu di l’ultima cunsulta di u 1763, u 23 di dicembre, annuncia l’apartura di u stabilimentu : “un’università publica induv’elle saranu insignate e belle Lettare, e Scienze, è l’arti liberali”. Dumandanu à una squadra di nove savii, “scelti trà i più sapienti è i più fidi”, adduniti in una cumissione, di priparà i primi travagli. U prete Mariani era digià statu numinatu rettore.

L’Università hà pussutu benefizià per a so messa in ballu di i travagli di u Conte Buccino, chì per ordine di u Rè di Sardegna hà travagliatu à a messa in sesta di quella di Cagliari. Ci pare chì Paoli appia ottinutu da Rivarola un mudellu. E grande linee di issu mudellu si ritrovanu ind’è l’Università di Paoli.

Sopratuttu chì a cumissione ùn si mostra micca tantu capace di ghjunghje sola à un risultatu : rende di ghjennaghju 64 un pianu per a messa in sesta di un’università di e Lettare (umanità, rettorica, filosoffia), ma i statuti di l’università datanu di u 25 di nuvembre seguente è sò stampati ind’è i Ragguagli. U testu si ne piglia à i Genuvesi accusati d’avè vulsutu lascià cripà a Corsica ind’è l’ignuranza.

L’Università apre e so porte u 3 di ghjennaghju di u 1765. I primi prufessori sò Francescu Antone Mariani, di l’ordine di i Minori Osservantini, rettore è prufessore in dirittu civile, dirittu canone è ettica ; Bonfigliu Guelfucci, di i Serviti di Maria, sicritariu persunale di Pasquale de’Paoli, prufessore di dogmatica è di Storia di a Ghjesgia ; Leonardu Grimaldi, di i Capucini, prufessore di filosoffia è di matematica, Ghjuvan Battista Ferdinandi è Anghjulu Stefani. Ci si impara dinù a medicina. Trè novi prufessori sò numinati in 65, sicondu i Ragguagli di sittembre nuvembre 65. Un documentu, strattu di u Libro maestro dell’università, in data di ghjugnu 65, è scrittu da Ghjiseppu Maria Massesi parla di dece prufessori è trè centu studienti chì ricevenu una pensione di 15 à 20 lire ogni mese.

I studii, in rialità, sò à gratisi. U persunale insignante vene da l’ordini munacali, i Franciscani sopratuttu. Anu discorsu assai per buscà i soldi nicissarii à u funziunamentu di u stabilimentu. In u 69, l’Università benefizeghja di u pruduttu di l’impostu di i piuvani, di i curati particulari è di i cappellani, di u fruttu di un terrenu in Antisanti, d’un terrenu naziunalizatu in Paomia, di una casa à gratisi in Corti, è di i rivenuti di una casa messa in affittu in l’Isula.

Stu finanziamentu di l’università ùn li garba tantu à u Papa. Cusì a pensa u cardinale sicretariu di Statu Torrigiani. Dice ellu à propositu di i rivenuti di l’università pigliati annant’à a Ghjesgia : “i più inghjusti è i più irrigulari ch’ella si possa pinsà”. In verità u Papa ùn hè micca cuntentu chì nimu l’appia chjamatu, cum’elli facianu à l’epica in altrò, à u mumentu di a criazione di l’Università. D’altronde, hè messu in sesta un sistema di pensione per aiutà i giovani i più poveri chì ùn si ponu allughjà à u cunventu San Francescu, ind’è l’amichi o i parenti. Ci hè dinù u fattu chì dipoi l’apartura di l’università, ùn si dà più passaporti à quelli chì volenu andà à studià ind’è l’università taliane.

E pussibilità sò poche per l’Università d’esse un’università di i Lumi, da a quale parla Pommereul chì dice ch’ellu hà vistu à “Voltaire, Locke, Montesquieu, Helvétius, Hume è Ghjuvan Ghjacumu Rousseau” ind’è a biblioteca di prufessori chì si vergugnavanu di u so statu munacale. E materie insignate anu infatti un scopu praticu : furmà i quadri nicissarii à a Nazione è à u so guvernu : Ghjesgia, avucati è magistrati, medicina, è e matematiche “nicissarie à i futuri militari è ingenieri”.

Ciò ch’ellu ci hè di più originale ind’è l’università, dice Fernandu Ettori, “hè di sicuru un stile anticu è patriotticu”. L’esamini publichi annuali si passanu in prisenza di a cunsulta è u generale sceglie, à l’azardu, i sugetti ellu stessu ! Vittima di e cicunstanze pulitiche, l’Università di Corsica chjode dopu à l’esiliu di u so criatore, di ghjugnu 1769. Avianu piantatu i Corsi in 68 à l’iniziu di a guerra contr’à i Francesi. Ci vulerà à aspittà più di dui seculi per vede una nova apartura di l’università, è a pussibilità per i giovani corsi di studià in Corsica. Eppuru, st’apartura era stata dumandata ind’è i “quaterni di duglianze” di u 1789...

Antone Maria GRAZIANI
Traduzzione Ghjuvan Filippu Antolini