Accolta
Accolta Cap'articulu Interviste Attualità Cultura Crunichette Sport Lingua


Articulu di u numaru 4, Maghju di u 2007


TINO ROSSI : ETERNA VOCE DI SOLE



Tantu chì u mondu serà mondu, a senteremu sempre issa voce linda è pura, chì cum’è un ochju di surghjente cristalina zirlata da Kallisté ci rinfresca ci assulieghja ci annanna è c’imbalsameghja di muschi di u Mediterraniu.

Issa voce hè sempre stata è sempre serà un simbulu di chjarore in l’annate fosche di a guerraccia, di u macellu d’issi ghjorni di piombu, di ferru è di focu quand’elli cascavanu i milioni d’omi in a fanga sottu à a mitraglia. Issa voce purtava a speranza d’un populu azzicatu da « o ciucciarella », iè, una speranza è nunda altru, chì ghjera cum’è una scumessa nantu à l’avvene. Iè, Tino Rossi hà mantenutu a cursitutine in un paese in dolu, in un paese marturiatu, sbandunatu, ma sempre fieru è curagiosu. Tandu a sola primura di i Corsi era di pudè campà in Corsica, è, s’elli ùn pudianu… andassine à e culunie, ma a voce di Tino Rossi i seguitava in u mondu sanu, chì u Napulione di a canzona avia cunquistatu a pianetta Terra. Tino Rossi era un cantadore internaziunale, diceraghju megliu, un incantadore internaziunale, chì i so canti d’amore davanu di più luce in l’ochji di i innamurati.

E a Corsica dinò ella si mettia à sunnià, sentendu issa voce sputica, si mettia à sperà anch’ella…

Chì pudia fà d’altru dopu à tante disgrazie, ch’elle sianu state quelle di u 14/18 o di u 39/40 quand’ellu mancava tuttu ? I so canti mantenianu a leia cù a Corsica, per quelli d’aldilà di u mare, è facianu nasce a nustalgia d’un paradisu persu, fendu piglià cuscenza à issi corsi spatriati ch’elli avianu una mamma cumuna : a Corsica.

A nustalgia si fece cuscenza, è a cuscenza si fece riacquistu.

Antone Filippi