Accolta
Accolta Cap'articulu Interviste Attualità Cultura Crunichette Sport Lingua


Articulu di u numaru 2, marzu di u 2007



Un statutu per a nostra lingua



L’Assemblea di Corsica avia vutatu u 1u di lugliu 2005 a creazione d’un Cunsigliu di a lingua. U cumitatu scentificu cumpostu d’universitarii di prima trinca hà resu publicu e so pruposte chì saranu, à l’ultimu, accittate o micca da l’eletti di l’assemblea territuriale. Incalca stu rapportu, cun ghjudiziu, nant’à u particulare di u statutu, di l’ufficialisazione di a lingua corsa…

Si dice quì è culandi chì per ch’ella campi a lingua corsa, di statutu, ùn ci n’hè bisognu. Andendu à l’incontru di st’upinione, i spizialisti di u cumitatu scentificu anu analizatu varie situazione in altrò. Fatti è fine chì quandu l’ufficialisazione ci hè, gode d’una prutezzione impurtante, u so usu si nurmalizeghja in bocca à a ghjente è sparisce a situazione diglossica di nanzu. Ind’u mondu, sò e lingue minurate, quelle chì anu menu diritti chì si ne vanu à caternu. Hè necessaria a vulintà di u populu corsu ma ùn basta mancu appena è ci vole à azzigà la sempre !

Di modu praticu, chì face a Francia per a so lingua ? In u 1992, in pettu à a preputenza di l’inglese, nova lingua franca ind’u mondu, stu paese hà datu un statutu ufficiale à u francese, à contu soiu, à prò di a diversità culturale. Si sbaglia ancu u prete à l’altare ma quì, da lottà contr’à l’unifurmisazione à u livellu mundiale, da l’esempiu cuntrariu in casa soia ! Eppò, s’ellu ùn ghjove da nunda u statutu, ch’elli caccinu puru quellu chì i diputati anu datu à u francese è ch’elli ci dedinu listessu pè u corsu !

Un statutu hè a garantia pè i lucutori di u rispettu di i so diritti linguistichi è u duvere pè l’imprese è e stituzione di permette l’esercitu di stu dirittu. L’ufficialisazione ci feria passà d’una pulitica timica chjosa à l’educazione è i media à un bislinguisimu territuriale, in Corsica è per tuttu ognunu.

Un esempiu di fattività di u statutu, è volta è gira, u pigliu ind’è l’insignamentu, duve ci sò siti bislingui. Accade aspessu chì u numeru di e famiglie chì dumandanu a scrizzione di i so figlioli ind’u bislinguu fussi più maiò ch’è u numeru di piazze ufferte da a Scola. Tantu megliu ch’ella ci fussi sta brama ma tandu si ricusanu dinù zitelli. Sò pessime e cunsequenze postu chì ste famiglie patenu per via di stu ricusu d’un inugualità chì inghjenna un malesse identitariu è suciale chì costa à a sucetà, bellu più caru ch’è un postu di maestru ! Cusì, hè un peccatu ma a lingua ùn la face à acquistà ghjente chì a volenu amparà per fassi corse. Infine, secondu u tippu di famiglia ricusata, ne patenu e funzione di a lingua in a sucetà è a so brama chì hè sincera ancu da a parte di ghjunghjiticci freschi freschi chì si volenu arradicà in Corsica !

Custì, u statutu permetterebbe l’accessu à tutti i vuluntarii è subitu dopu, a generalisazione di l’insignamentu bislinguu. À l’ultimu, tocca à a Scola di furmà, à dà i mezi postu ch’ella hè una scelta pulitica chì ogni zitellu possa riceve un insignamentu in lingua corsa.

Leghjendu stu raportu, mi si pare chì un passu maiò pò esse francatu. Attenti à ùn inciampà… Quantu volte l’avemu visti l’eletti di l’Assemblea vutà tante cose per a lingua ma quantu volte dinù, u cuntrattu Statu-Regione ùn l’anu rispettatu ? Si sà chì da u dì à u fà, ci hè quant’è da u tesse à u filà ma s’elli ci portanu una volta di più di fole in canzone, hè un antru affare ! Hè per quessa ch’ella hè impurtantissima sta quistione. Permette di misurà in veru a mutivazione di l’eletti. Per avà, bisogna à palisà una vulintà pupulare è pulitica chjuccuta postu chì l’ubbligazione di mezi entre fatti è fine solu ind’u quadru d’un statutu veru per a lingua corsa. L’ufficialisazione, di modu simbolicu palesa u prughjettu di sucetà ch’è no vulemu per a Corsica attempu à l’assicuranza pratica di a realisazione cuncreta di a strategia di rinnovu linguisticu sustenuta da a CTC.

Un antru interessu di u statutu o di l’ufficialisazione, hè d’appaccià e lingue, a leia trà u corsu è u francese è i Corsi trà d’elli, daretu à un scopu cumunu. Si face digià ind’i lochi duve u corsu ripiglia fiatu cum’è ind’e scole duve l’insignamentu d’una lingua sustene quellu di l’altra, è vici versa. S’approntanu cusì, omi è donne, arradicati à a so terra è à e so ghjente quant’è asserenati in pettu à l’altre identità postu chì spartenu cun elle sia a latinità sia u rispettu di a diversità.

Sébastien QUENOT