Accolta
Accolta Cap'articulu Interviste Attualità Cultura Crunichette Sport Lingua


Articulu di u numaru 3, Aprile di u 2007



Cuntradizzioni di Jean-Jacques Rousseau sopr’à a Corsica (1750)



U marchese di Cursay fù incaricatu da a Francia, à a dumanda di Genuva, in lu 1748, per fà una missione di mantenimentu di l’ordine è di cunciliazione in Corsica.

Oltrepassendu l’istruzzioni ricevute chì cuncernavanu essenzialmente u duminiu militare, fece grand’interessu di u sviluppu ecunomicu è culturale di l’isula in la pruspettiva di u so’ « incivilimento ».

Ghjè propiu in ‘ssu spiritu ch’ellu volse dà vita, una altra volta in Bastia, in lu 1750, à l’Accademia di i Vagabondi a quale era stata fundata in lu 1659. Ist’accademia misse à u so cuncorsu u tema seguente : « Qualessa hè a più necessaria virtù per l’eroe è qualessi sò l’eroi à i quali sta virtù hà fàttu fallimentu ? »

L’idea chì sottutendia sta quistione era propiu quella di a «Regenerazione » d’una Corsica «barbara » per via di a civilisazione è ben’intesu in stu casu, a civilisazione francese…

J.J. Rousseau, di lugliu 1750, era statu curunatu da l’Accademia di Dijon pè u so famosu discorsu in risposta à a quistione : « Si u ristabilimentu di e scienze è di l’arti hà cuntribuitu ad asserinà l’usi di cundotta. »

Tale i so’ cuntimpuranei, Jean-Jacques ammirava « l’eroica nazione corsa ». Fù cusì ch’ellu decidi di cuncorre.

In lu primu discorsu, avia difesu, incuragitu da Diderot, l’idea paradussale chì u prugressu di e scienze è di l’arti era funesta pè e nazioni. Ne era cusì à contracurrente di l’idee ricevute.

Sta volta, lasciendusi purtà da a so’ ammirazione per l’iniziativi di u marchese di Cursay, Jean- Jacques sviluppò l’idea dicendu chì l’eroismu, s’ellu era a spressione di una grande virtù, ingeneràva quantunque morte è distruzzione. L’eroe, pè ghjunghje à una pienitudine d’umanità si duvia di temperà e so’ guerriere virtù « civilizendusi ».

Tale in lu primu discorsu, l’ argumenti di Rousseau, escianu propiu di a storia greca è rumana senza scurdàssi di l’eroica storia di a Corsica.

Quandu u discorsu fù compiu, u nostru autore si rese contu ch’ellu era in cuntradizzione cù a tesa sustenuta in lu so’ primu discorsu. Cusì fece un ghjudicamentu severu di u so’ testu è, in un mumentu di zerga, u qualificò di « torche-cul » ! (sic) Dunque, ùn l’indirizzò micca à Bastia è cusì l’infrugnò innu i so’ scagni fin’à u 1768, data à a quale senza ch’ellu ne sapèssi nunda, u testu fù publicatu è divulgatu. Forse serà statu una manuvra mal’intenziunata fàtta da nucelu ; almenu hè statu ciò ch’ellu hà pensatu.

Più tardi, u nostru filosofu duvia esse « traspurtatu d’intusiasmu » à l’idea di prupone à a Corsica un « prugettu di custituzione », u quale, si duvia inscrive in lu drittu filu di u so’ primu discorsu. Ùn precunizava cusì, ellu, à a Corsica un « sistema rusticu » : auto sufficienza, priurità data à l’agricultura « solu mezu da mantene un Statu in l’indipendenza », rifiutu di u cummerciu, di l’industrie è di u lussu, ricusu di a circulazione di u soldu…

In quantu à u marchese di Cursay, per avènne vulsutu fà troppu, fù messu à l’arresti, in lu 1753, è si lasciò a Corsica, ammanitatu trà dui gendarmi ! Ùn ci ramenta quessa a disaventura ch’ellu cunnuscì pocu tempu fà un altissimu riprisentente di u Statu in Corsica ? U marchese di Cursay è Jean- Jacques Rousseau averianu fàttu megliu, prima di cede à i so’ stravimenti, di medità u pruverbiu corsu : « u troppu stroppia ».

Marie-Jean VINCIGUERRA
Traduzzione Petru VACHET-NATALI