Accolta
Accolta Cap'articulu Interviste Attualità Cultura Crunichette Sport Lingua


Articulu di u numaru 6, Lugliu di u 2007


Puerto Rico : U sognu americanu di i Corsi

A storia d’una famiglia : i Vivoni



Babbu, Enrique Vivoni-Acosta ebbe a furtuna di cascà nantu à lèttere scritte à u dicennovèsimu sèculu da u babbone, Petru Santu Vivoni Battistini à a famiglia è à l’amichi di Corsica è di Portu Riccu. Ellu traducì cun amore è si tenì 300 lèttere è altri documenti. Hè da elli chì a storia chì segue hè sviluppata. Un hè micca a prima volta ch’ella hè stata scritta, duie altre pubblicazioni più à bon’ora hanu studiatu e lèttere : Mary Frances Gallart e studiò ind’a so prova, “Epistolario de un Corso in l’ìsula : Pedro Santos Vivoni Battistini” (1997) è eiu per u mo travagliu pubblicate en “I Corsi-americani.

Prova nantu à a so architettura, a so vita è a so furtuna, à u dicenovèsimu sèculu” (2002) U mo arcibabbone chitò à Siscu quand’ellu avia 16 anni. Un intrecciu d’evenimenti u purtonu à andàssine : u ziu, Santu Battistini, avia scrittu ch’ellu avia bisognu d’un parente per insignà u Francese ind’a so scola in San Ghjermanu, Portu Riccu. A famiglia Battistini accunsentì di mandà à Venucciu Battistini, un giuvanottu ripostu chì avia riesciutu bè à a scola. Per disgrazia, digià in Portu Riccu s’amalò da u colerà è u ziu, turnò à scrive in casa perch’elli mandèssinu à qualchisia à piglià a piazza.

Di Novembre di u 1856, cù 500 franchi pigliati in prestu à u babbu, Petru Santu Vivoni s’imbarcò per l’aventura di a so vita : avia da rimpiazzà à Venucciu ind’a scola di u so ziu.

L’edea di parte da a casa à 16 anni fubbe ben venuta. Petru Santu era u più vechju di sei zitelli. A mamma era morta ind’a so nàscita è u babbu, Petru Ghjuvanni si maritò cù a surella a più vechja di a so moglia. Petru Santu era statu à a scola in Erbalonga è u so Francese orale è scrittu era bunìssimu. Ci era una occasione à chjappà, à u mìnimu per un pezzu, una casa affaccendata è, si a furtuna era cun ellu, uni pochi di solli da fassi per a famiglia. U viaghju finu à Marseglia era statu un sugnacciu.

Una timpesta i s’avia chjappi in cor di nuttata è avia amalatu à tutti. Ma una volta in Marseglia, Petru Santu fubbe smaravigliatu. Mai avia vistu ellu una cità cusì interessante, cù u so portu pienu à battelli, i so musei, i so giardini è casamenti. A tempu ghjuntu, s’arrangiò per u so viaghju in Amèrica, ind’una cabbina di seconda classa per 125 franchi. Novembre hè un misacciu per francà l’Atlànticu. Ghjuntu à e Culonne d’Ercule, u battellu fubbe coltu da un tempurale tremendu chì u puntò versu u Nordu finu à u Finisterre. Per via di a timpesta, d’una mancanza di nutritura è di malatie à bordu, u viaghju à Santu Tumasgiu pigliò 48 ghjorni disgraziati, 18 di più chè d’abbitùtine.

Ghjungnendu à u portu francu Danese, neguziò incù i Piccioni di Pinu u so passeghju à Mayagüez nantu à a costa à punente di Portu Riccu. Era una strada còmuda postu chì a famiglia campava nantu à a costa à punente è chì a cavalcata à San Ghjermanu seria corta. Per disgrazia, u capitanu affundò a nave vicinu à u portu è li tuccò à tutti à accustà à notu. Cum’ella a vulia a sorte, Petru Santu nutò versu un paese chjamatu “Corsica” induve a famiglia Raffucci avia i so lochi.

L’ocèanu lavò tutta a so sfurtuna. Installatu ch’ellu fubbe in San Ghjermanu, Petru Santu vide tutte l’occasioni chì li èranu offerte essendu “Francese” in Portu Riccu. Si lasciò sùbbitu u so postu d’insignante è aprì un pìcculu magazinu, sùbbitu dopu spusò à Concepciòn Ramirez de Arellano, èrede d’una grossa furtuna. Avia ellu 19 anni è ella 15. Da prufessore à cumerciante è amministatore, Petru Santu, cunnisciutu avà cume Don Pedro Santos Vivoni, l’avia fatta in Amèrica. Amparò sùbbitu l’arte d’arricoglie e canne di zùccheru è di pruduce à tempu zùccheru è rumbu. U so entusiasmu è e so dispusizioni arrubbacciate fècenu prestu e so terre pruduttive è u so travagliu cume pruprietariu li dèdenu passu à inciuffassi ind’a pulìtica.

Ma u so primu penseru in affari fubbe di cumprà terre, larghe fascie di terra, ind’a so patria. Vulia fassi una casa asgiata per quande a so famiglia visiteria a Corsica. U so primu saltu in Corsica u fece ind’u 1861, vultò dopu ind’u 1871 è 1890. In sti giri s’arrangiò per fà custruisce a so nova casa : “Casanova”, à u chjosu, ghjustu fora di u paese Balba. A casa era grande per l’usi di Siscu. Ci èranu, sopra à u prima pianu, duii “piano nòbbili” è un grande granaghju. Di sicuru chì a so moglia è i so òndeci figlioli ci sterianu asgiati.

In Portu Riccu, fundò a cità di Lajas, duve elli èranu i so lochi; diventò u primu merre è prestu fubbe torna cumprendu terre per ellu stessu. Mandò à dì à i duii fratelli Pasquale è Culumbanu di vene à travaglià ancu elli in Portu Riccu. Pasquale avia ghjustu finitu a so scola di medicina (educazione chì Petru Santu avia pagatu ellu) è Culumbanu avia ghjustu chitatu l’armata francese dopu à un sughjornu ind’a guerra Francu-Prussiana. Culumbanu ghjunse ind’u 1872 è Pasquale ottu anni dopu.

Culumbanu, spìritu ribellu, lasciò prestu à Portu Riccu per u Venezuela è a Repùbblica Duminicana. A vita per i Vivoni in Portu Riccu era generosa. I zitelli ingradàvanu, i masci fùbbenu alevati secondu i so talenti. U maiò avia da aministrà e ferme , i più giòvani fùbbenu mandati in Corsica per amparà “l’usi francesi” è un mistiere. A l’eta di 11 è 9, duii figlioli, Petru è Arrigu, imbarconu per esse mandati interni à u Liceiu di Bastia. Tramindui fermonu in Corsica è in Francia finu à i so 20 anni.

Petru Santu fubbe abbagliulatu da a vita in Portu Riccu, cù a pulìtica ind’una culunia Spagnola è cù u lascia-corre cunnisciutu ind’a costa à punente sottu à u regime di i brutali guvernatori in San Ghjuvanni. A distanza è e ghjattive cuminicazioni accurdate à e coste di punente è di meziornu di cresce ecunumicàmente, in particulare cù u cumerciu ind’u mercatu neru o cù d’altre ìsule carribeane. Prestu e zone urbane criscinu è u gustu per l’amparera dèdenu nàscita à a custruzione di teatri, bibbiuteche, magazini è nove case urbane.

Ind’u dicenovèsimu sèculu a cumunità corsa diventò un impurtante aspettu di a vita suciale, econòmica è pulìtica in Portu Riccu. Parechji omi participonu à a creazione di loghje Massòniche, diventonu merri di cità (Santoni à Salinas, Giorgetti in Barranquitas) altri fùbbenu eletti à a Càmera Spagnola di i Deputati (Vadi, Vivoni) ind’u mentre chì d’altri si stantonu grandi furtune cù u caffè, u zùccaru è l’imprèstiti di solli.

Don Petru Santu avia trovu un novu postu in Portu Riccu. I so sogni di vultà in Corsica avianu cambiatu cù l’acquistu di a so nova identità Spagnola. Dopu à a guerra di u 1898, parechji Corsi si ne vultonu in casa, inclusi i so duii fratelli, ma ellu fermò.

Ma ind’u 1903, quand’ellu tenia a merria di Lajas è ch’ellu era membru di a nova casa di i Raprisentanti fubbe chjamatu per l’ùltima volta in Corsica: a figliola, Juanita, abbisugnava a cura urgente di u so freatellu, u duttore. A famiglia sana vultò per u sughjornu ma nè Juanita nè Don Petru èranu destinati à u ritornu ind’u u so carìssimu Portu Riccu. U 3 di Decembre, una messa funeraria fubbe detta per Pierre Toussaint ind’a Chjesa di San Martinu di Siscu.

Dopu à a migrazione corsa in Portu Riccu l’ìsula ne hà cunnisciutu altre cume a Cubana in 1960 è a Duminicana pocu fà. Per a Corsica, Portu Riccu hè un’ ìsula di scontri.

Enrique Vivoni-Farage è Lisabetta STUDD
Traduzzione corsa Francescu Perfettini