Accolta
Accolta Cap'articulu Interviste Attualità Cultura Crunichette Sport Lingua


Articulu di u numaru 8, Ottobre di u 2007


Murianincu

Pasquale de Paoli volta in Padulella issu 10 di lugliu 2007



A l’iniziativa di Claudiu Olivesi, merre di Santu Niculaiu è Cunsigliu generale di u cantone Campulori di Moriani, sparitu subbitamente ghjorni fà, omu di grande valore chì manca tantu à tutti.

Li dedicheghju u ritrattu di a ghjurnata di memoria ch’ellu avia cumpostu. A cumemorazione di a morte di Pasquale Paoli sò duie cent’anni, ‘nè u 1807, in Londra, cuntinueghja. Oghje in u 2007, hè in u Morianincu ch’ellu volta, in Padulella esattamente, nantu marina induv’ellu s’hè imbarcatu per l’esiliu à l’età di quatordeci anni incù u babbu Ghjacintu è i so cumpagni.

Una lastra hè stata appiccicata, da i naziunali di l’epica, nant’à u muru di una casuccia chì appartene à i Marchetti, quelli di u nutaru, in bor’di mare. Sopra à a porta d’una cappella dedicata à San Pasquale, una fotograffia, tamanta, vene d’esse istallata davanti (un bellu travagliu di memoria dinù). I mostra assai numerosi per l’occasione. D’altre fotograffie, in tutti i paisoli di Santu Niculaiu, ci presentanu chì un Ziu, vestutu di pannu, cù a so pippa imburrata è a beretta misgia incalfatta o una Zia, in «maillot» à i primi bagni di mare,inturniata di i niputini sbarazzini ; chì fratelli è amici, sette o ottu, oghje partuti per l’altru mondu, giuvanotti tandu, à bocc’à risa, nant’à un rastellu tiratu da dui boi è da «Carcan», in testa, u cavallu “percheron” biancu di u mio babbu, veru mudernisimu, cinquant’anni fà, pè accatastà u fenu.

ln paese, gruppi di donne giovane, ne ricunnuscimu une poche andate elle dinù à fà e conche pè a più grande parte, ci hè ancu l’amicu ”Don” à trè anni, nentr’à una «bruettuccia». Cusì bellu !.. ecc. ecc. Mostra dà vede, in piaghja è in paese, i paisoli cù e so vechje case sò messi in valore : hè l’occasione di vene à visità u Santu Niculaiacciu è vede i Santiniculaiacci in «fotò» ! Tempi è tempi !

A a bibliotecca municipale sò prisentati, una bella manella di quadri chì formanu una mostra itinerante cuncipita da ‘ntoniu Maria Graziani u storianu di l’Università di Corsica, parechji libri è ancu quella priparata da i zitelli di a scola primaria di Padulella, nantu à a vita di u Babbu di a nazione. À felicità ! Duie belle cunferenze à l’anfiteatru di a Casa di u sviluppu :

- a prima, di Ghjiseppu Leoni, direttore di scola in ritirata, ultimu Presidente di l’ADECEC, ci hà parlatu di Pasquale Paoli, a so vita, a so grand’opera :a Nazione Corsa indipendente, di l’organisazione democratica di “il Regno di Corsica”, cum’ellu l’avia chjamatu, pè distinguelu di a Serenissima ripublica genuvese, chì ùn avia di republica chè u nome.

Ci hà parlatu d’issu giovanu Pasquale Paoli imbarcatu quì cù u babbu “Ghjacintu Paoli, Giangiacomo Ambrosj, Luiggi Giafferi, Antonio Giabbiconi, Francesco Maria Natali, Mario Pasqualini, Carlo Giovanni Dionisj, Giuseppe Maria Ambrosj, Francesco Maria Ambrosj, Pietro Don Patrizio, Pietro Giovannoni, Antonio Cristini, Gian Paolo Colombani, Antonio Francesco Filippi, Giannandrea Celli, Giancarlo Cavallini, Don Pietro Orsini, Marc’ Antonio Limperani, Antonio Serpentini, Paolo Felice Reconi, Orso Martino Albertini, Giammaria Poletti, Padre Benedetto Donati è Padre Michelangelo, due Zoccolani “. Secondu “L’ossevazioni storiche dell’abbate Ambrogio Rossi”, in u 1899, infurmazioni trasmesse dà u ben Anton’ Dumenicu Monti, creatore di l’ADECEC.

Un’altu fogliu ci dà «l’Organigrammu», cum’ellu si dice oghje, traduttu in francese, di a custituzione di a Nazione indipendente democratica corsa, sott’à u guvernu di Pasquale dei Paoli, cum’ellu li piacia à fassi chjamà.

Era cumposta cusì :
In primu u Populu corsu vutava :
1. I Capitani d’arme
2. I Podestati di e cumune è i babbi di u Cumunu
3. I Delegati di e Pievi (à partesi da 1764)
I Delegati di e Pievi, furmavanu a Cunsulta Naziunale chì vutava :
- u Podestatu di e Pievi (ghjudice di pace)
- a Rota Civile (U tribunale Supranu)
- u Cunsigliu Supranu chì vutava a Ghjunta (Alta Corte di Ghjustizia)
- u Cumitatu di e Cinque Pievi (accantu à u Capu di u Statu, à partesi da 1764) Infine, u Cunsigliu supranu vutava u capu di u Statu : u Generale di a Nazione chì numinava u Cumissaru di e pievi.

Issu Regnu di Corsica avia u so Capu di Statu elettu. Era finita quella di i Rè di diritu divinu ! (i babbi chì mettianu i figlioli in piazza !) A demucrazia cuminciava !

Ma, issu fattu si passa torna quì, oghje ghjornu. Certi si ne seranu scurdati di u gran’ Pasquale ? Quellu chì avia creatu, cù una squadra di nove savii avendu pè rettore u prete Mariani, a prima università publica è à gratisi. (A.M. Graziani : A Nazione N°3).

U secondu cunferenzeru, Francischinu Pallenti, universitariu, prufessore di filosoffia di furmazione, ci hà trasmessu a lezziò tramandata dà quassù d’un “ citatinu celeste “, secondu l’intitulatu di u so libru esciutu l’annu scorsu, a statura di l’omu di Statu, omu di i “ Lumi “ chì hà apertu a strada di e rivoluzioni democratiche di u mondu.

Ci hà mustratu a so analisi persunale insistendu nantu à a furmazione intellettuale tremenda tirata da i grandi currenti di u pensamentu di l’epica è soprattuttu ecclettica, puntellendu d’issa parulla a so dimustrazione di l’omu apertu à tutte e discipline, a filusuffia cù Genovese, e so letture di i grandi scrivani è storichi cum’è U Macchjavellu, «Titelive, Virgile, Montesquieu,» à l’arme, ecc. ecc., chì anu marcatu u so spiritu di manera putente è incancellevule. Pallenti hà vulsutu fà u paragone cù u tempu d’oghje, mette in paralellu a citatinanza nata tandu ma soprattuttu u rispettu di sè stessu è di l’altri, a fedeltà à un ideale cumunu.

Un omu ùn vale chè da e quistioni ch’ellu si pone, Francischinu Pallenti ci dà à pensà, Pasquale Paoli, secondu ellu, ùn hà mai cessatu di ponesi quistioni sin’à l’ultimu :

Citatinu era statu, citatini ci avia fatti, ùn li restava più chè à esse “ Citatinu di u Celu ”. A sett’ore di sera una manella di fiori hè stata posta sottu à a lastra cummemorativa. Cum’è no’ eramu in tempi d’elezzioni, ind’è u Murianincu, pè rimpiazzà u ben di Claudiu Olivesi, tutti i candidati à u Cunsigliu Generale di u cantone Campulori di Moriani è i so appoghji eranu quì, tutti Paolisti, cum’ellu dicia u nostru primu numeru di A Nazione.

Infine à nov’ore è mezu di sera, un spettaculu magnificu intitulatu, “ U Babbu di a Patria ”, riunia e pulifunie d’Isulatine cù u ballu cuntempuraneu, direttu da Ingrid Puccio di Arts et Sport di i Fulelli, è di hip hop di Ciprianu Emmanuelli è di Marjorie Col. Issu mischju hè torna una bella idea di più di Claudiu.

U gruppu Isulatine bè furmatu di Risabetta Andreani, ‘ntunietta d’Angeli, Pasquale Landolfmi, Maria Lina Pietrucci, era cunduttu da u so presidente Paulu Santu Pariggi - magnificu in u rollu di Pasquale Paoli - è da Maria Lisa Ucciani. E voci pure s’alzavanu nantu à a marina di a Padulella, mentre chì e ballerine leste è graziose mischiavanu a so arte à issi canti impurtantissimi per noi : Ninninà la mio diletta, Barbara furtuna sorte ingrata, ecc. I canti i più putenti di a nostra cultura c’inturniavanu e trippe !

Una bella voce maschile (Paulu Sautu), spiegava à for è a misura a significazione di i balletti, chì currispundia à u disciuplichime di a nostra storia . D’un colpu, eccutilu, Pasquale Paoli, in persona, a pilucca bianca di l’omu maturu, hè quì, nantu a marina di a Padulella !

Simbulu tamantu !

U Dio vi Slvi Regina ribomba fin’à e stelle :

E u populu s’arrizza in un emuzione scema ! Pasquale de’i Paoli hè rivenutu nantu marina in Padulella !

Maria Teresia Poli