Accolta
Accolta Cap'articulu Interviste Attualità Cultura Crunichette Sport Lingua


Articulu di u numaru 15, Lugliu di u 2008


L’omi libri



Ghjimbati versu e fiare cum’è per inspirassi di secreti antichi rivelati ind’è i so sussurimi, i capifulaghji sperghjivanu à mezu case torre è castagni l’essere evadesi di sogni clandestini è d’angoscie murtale. À misura chì si svuglinava u so racontu, al di là di i muri, ale fantastiche sfiurianu ruine dentellate, cavoni turmentati perturianu malebestie è demonii. Nisuna fata curria vicinu à e surgente.

Solu martellavanu e teghje di e corte i passi di curteghji invisibili chì solu un vivente cunducia, aiutendu i viventi ch’elli venianu à circà, à travalcà u Fiume.

Certuni parlavanu d’un altru fiume chì ellu, ùn rutulava e so acque di l’altra sponda di a notte. Quessi cuntavanu una ligenda superba. Talvolta dinò, a cantavanu. Evucavanu un rè effimeru, aventurieru siente certi, buffone o visiunariu sienti d’altri, d’un condottiere chì sunniava d’una nazione da nasce, d’un umanista per via di quale ella viderebbe u ghjornu, fundata nant’à e base d’una dimucrazia muderna chì duvia suscità l’ammirazione di tutte e nazione d’Europa.

L’ascoltavamu smaravigliati, scoprendu pocu à pocu chì, assai più ch’una ligenda, c’era cuntata una storia chì era a nostra. A l’inversu di i nostri maestri incughjiti ind’u formolu di u so sapè, issi singulari precettori ùn purtavanu ne archette ne cruvatte. Illetterati per à maiò parte, strappavanu u francese currentemente quand’ elli si cimentavanu à parlà lu. Ma ind’a so lingua, impiegavanu à cuncurdenza di tempi cù l’asprezza di grammatichi è incindivanu flurileghji di parulle sanza dubitassi chì, per noi, ognuna di e so frase era incantatoria. Libri ùn ci n’era, perchè i libri, eranu elli, è issa storia abulita in di libri di scola, l’imparavamu à sente i so canti impruvisati.

Appesi à e so rime, rinvivivamu l’episodiu di issu vechju poveru è infermu chì, per u solu pudere di e parolle, pruvucà una rivoluzione, quella d’una vittoria guallanta per un assaltu di cavaglieri in un locu induve ùn si pudia imaginà una carica di cavalleria ; sanza stancassi, li faciamu ripete e peripezie di issa suntuosa dirotta chì certi avianu pigliatu tantu cura à piattaccila : e truppe di u comte de Vaux richjudendu a so tanaglia… I mercenarii prussiani cusì disciplinati è cusi ottusi… i canoni Gribauval chì tonnanu… issu ponte induve, cumpostu di morti, di ferritti curandu ammassassi nant’à i morti, una barricata s’arrizza… È sopra tuttu, sopra tuttu ! dà sottu... s’armata di cadaveri chì passa, purtata per e sciume di un turrente scarlatu…

E porte di l’Università, chjose per causa di guerra, ùn riapprerebbenu più. I vincitori aviannu ridottu à niente una custituzione, un amministrazione, una ghjustizia, una muneta, una stamperia, distrottu tuttu ciò chì pudia ramintà i sogni è e speranze di una nazione appenna spannata. Ma cù è so veste in villutu sculurite è i so’ pantaloni impezzatti à è cule, carritteri-menestrelli, stazzunari d’epupee, pastori d’alte notte, à mezu à i so raconti, ristituianu i frammenti d’una vita anteriora induve, di cunsulte in ribellione, di vittorie in disastri, s’affiancavanu paisani armatti è frati suldati, aventurieri è eroine, tiranni sanguinarii è invintori di tempi novi. Per l’irunia d’una storia pruibita, eranu i più scuri e i più umili di trà di noi chì, passadori di i cunfini di a memoria, ci n’offrianu e chjave è e strade.

Ghjuvan Claudiu ROGLIANO