Accolta
Accolta Cap'articulu Interviste Attualit Cultura Crunichette Sport Lingua


Articulu di u numaru 14, Maghju di u 2008


A mascara di u literariu



Une pochi di quelli ch anu lettu u numeru di A Nazione cunsacratu Bastia si s fatti cunnosce anu messu cuntrast. U versu di Vattelapesca n saria cus diversu di quellu di Dalzeto quandellu si tratta di dinunzi e macagne di una cit brutta, sucidosa, goffa u murale cumella h di fisicu. Tagliemu laccorta: cughjosa viziosa! I dui scrittori averianu trovu in u statu pessimu di a cit a materia stessa di u so estru literariu, i sugetti, i persunagi, lazzione per cus d, a dramaturgia ch move u teatru di a scena citadina.

Sar... h vera ch pare cus, vistu ch n mancanu n ind Dalzeto n ind Vattelapesca e passate ch n s tantu per f crede ch Bastia chella sia un locu di eleganza prescelta. Ancu eiu, principiendu quella prima fidighjata nantu a Literatura in Bastia n mi s privu di incalc issu ritrattu pocu quentu di a cit. Rileghju ci chaghju scrittu tandu mi dumandu av sella h stata a literatura impone issu ritrattu o ci ch h vistu cumand a visione literaria. Riflettendu ci una cria credu chellu h statu lingeniu literariu di Vattelapesca f sente un odore ch andate sap sellu ci h! Tandu, invece di un passu solu, mi rileghju sanu sanu ci chellu scrisse u pueta cun Lodori di Bastia, a so passighjata schifignosa spiritosa in a nostra cit:


Lodori di Bastia

Un grandomu, orgogliu vantu
Da nostrisula, dicia
S cun lochji n la vidissi
Eo cu nasu a senteria.
Vere s queste parolle
Sopratuttu per Bastia.

Quandu a notte da Livornu
U stranieru u nostru portu
Savvicina, sente cum
Un odor di cane mortu
H a cit ch u so prufumu
Manda in guisa di cunfortu.

S sbarcate u Molu vechju
Duve sbocca ogni cunduttu,
H una pesta ch vassale
vi affoga dapertuttu.
Qu, un valecqua di Culogna
Tuppa u nasu, o resti bruttu !

Poi muntendu pe Terazze,
Di biscotti canistrelli
Scende, h veru, una dulcezza ;
Ma fr mezu questi quelli
Ghjunghje u sisu dagliu trippe,
Di cantine di macelli.

a Traversa, dicerete,
Si rispira ? - N, Signore
Ch ad ogni passu ci h un tufone
Ch vi manda u so fetore ;
n parlu di purtoni
Chanu tutti un tristodore.

Visitaste forse mai,
Dite, e Scale di Serone,
Ghjes, Cherrughju drittu,
U Puntettu cu Mughjone ?
ne u mullizzu fr i pidochji
Quante vivenu persone !
Dapertuttu h un merlingheghju
Di Lucchesi criature,
Di furmagliu cu scappinu
di trippe di fritture,
burdelli !... Ch un ci schiatta
P b d ch h losse dure !

Terranova San Ghjiseppu,
SantAnghjuli Su Collu,
Cosa s? - Stalle purcili.
a Punta ?... quandu collu
Per i Zeffari u Mercatu
D a mio vita per un sollu.

Un odor di stoccafissu,
Baccal anchjuve vechje,
Di cipolle pesci merzi
U respiru toglie, sechje
Scorre fangu ed altra cosa,
Qu, per tutte catapechje...

O Bastia, prega u Signore
Ch n ti mandi qualch pesta !
Sella vene, tuttu strughje ;
Mancu mosca viva resta...
N, speremu ch a spazzola
Piglierai... Ma spazza lesta !

Allora, pare prima lettura chellu n ci fussi dubitu mancu stampa: a cit saria un puzzicheghju. A fisica literaria a ci dice per mezu di liperbule, ma ferma sicura: a cit puzza ch impesta! Tutti a sanu. Tutti a dicenu. In isse cundizione u puema n st tantu affacc si da ducumentu storicu, laffari ci parenu tantu pi evidenti chelli testimunieghjanu, lepica o pocu pressu tandu, altri scritti, dichjarazione descrizzione. sta volta n s pi scrittori di divertimentu, literarii o pueti chelli sianu. Si tratta di scentifichi, di sapienti, di duttori via. H cus chella si infatta a testimunianza di u duttore Pasquale ZUCCARELLI (1864-1941).

Lomu dete a so vita sana sana lutt contru a difteria u paludisimu , in u 1901 u truvemu ch scumbatte senza cunt contru lepidemia di vaghjolu ch arruina tuttu in cit. Assuciatu c u so cunfratrellu Ghjiseppu Thiers si daranu migliur e cundizione igieniche di a vita bastiaccia (cf.Le paludisme et les moyens de le combattre, Bastia, Santi, 1914) sente d unu laltru, a ghjente n ci avia tanta cicca aiut li n mancu d li capu.

Daltronde ch v sfuglitt lHistoire mdicale de la ville de Bastia di P.Zuccarelli (Bastia, Ollagnier, 1903, 2 vul.) si rende contu subitu subitu quantella era brutta a cit e pessime e cundizione di vita di a pupulazione. Pi da a parte di i puveretti di limmigrati (I Lucchesi) ch da labitanti di Bastia ch stanu b i sgi in particulare. Ma n andemu crede chella a si franchi una categuria sucialei: e carte di lepidemie facenu vede punti (A Marina, u Picculu Livornu, U Puntettu...) manghicati da e malatie ma u male h spartu in tutti i carrughji. Issa descrizzione ogettiva ci mette di nasu davanti a realit di un statu sanitariu calamitosu. tal puntu ch u ritrattu literariu di Lodori di Bastia cunfruntatu issa verit orrenda di u ducumentu medicale ed epidemiologicu pare bellu legeru: u flagellu medicale ne diventa fisica spiritosa basta.

Ferma ch tr literatura realit ci passa a fantesia di a custruzzione, linvenzione di un mondu fintu u piac di issi fantasimi ch movenu limaginariu di quellu ch scrive.

ci vene pi utile di dumand ci ci chellu aver cercu Vattelapesca ritrattendu cus a so cit nativa ch di verific logettivit di una pittura ch dentrata si palesa falsa, o accunciata, puru s u talentu di lautore li h messu in faccia a mascara di u literariu

Ghjacumu THIERS