Accolta
Accolta Cap'articulu Interviste Attualità Cultura Crunichette Sport Lingua


Articulu di u numaru 2, marzu di u 2007



Una musa di u risorgimento canta à Pasquale Paoli





Ifratelli Bartolomei, d’origine capicursina, ebbenu un rollu impurtante in lu Risorgimento.

Neguzianti ricchi è armatori stabiliti in Livornu, fecenu partita di a « sucietà di i Trenta », urganisazione secreta affiliata à a « Carbuneria Rifurmata ». Anu puntellatu a « Giovine Italia » di Mazzini prima di raghjunghje « il Giobertismo » :

U conte Gian Paolo Bartolomei duvia spusà una greca di Corfù, Angelica Palli, a quale, s’ella ùn era bella, era una pueta propiu attalentosa, pussedia un donu eccessiunale pè l’impruvisazione. A battizetinu a “ Saffo italiana “. Ghjè ugualmente l’autore di parechje pezze di teatru.

Tenia un salone literariu in Livorno. Ci impruvisava ode da celebrà persunalità tale Guerrazzi, Lamartine, Manzoni, è u giovanu Giosuè Carducci.

Li si cunnosce menu l’amicizia amurosa chì a ligò à u celebre Champollion u quale a riscuntrò in Livorno in lu 1826 . Di st’idillia, ferma 29 lettere indirizzate à una misteriosa Zelmira (Angelica). Sta currispundenza si scumpartì durente trè anni. Ci ampara a filusufia di a vita è l’anima sensibile di u geniu chì sciolse l’enimma di i ierogliffi. Angelica Palli, l’isulana, hà cunnisciutu è aiutatu numerosi corsi famigliari di a casa Bartolomei in Livorno.

Quale sà ch’ella hà cantatu à Pasquale Paoli in un puema esciutu senza data, probabilmente durente l’annate 1838.

Stu puema si tituleghja « Squarci di un componimento poetico di un corso. »

Stu puema dramaticu mette in scena « Nantu à e sponde di u fiume Golu », « vicinu à u monte di Tenda », successivamente u « Geniu di e muntagne » corse è u « Geniu di e valle » corse, a lingua italiana, l’Ombra di i guerrieri corsi morti cumbattandu pè a libertà di a patria, l’Ombre di Gaffori è di Pasquale Paoli è infine, l’Ombra di Napuleone.

Dialoghi, prosopopee alternanu. U puema si cunclude pè i rimprovari chì u geniu di a Corsica face à Napuleone.

U puema hè una deplurazione di u lascia corre, di l’avaccheghju è di a miseria in la quale a Corsica si trova, una Corsica chì s’hè scurdatu di i so’ antichi valori è a so’ bella lingua taliana.


« È la natia favella
Del patrio onor sacro palladio, e noi
Lo cediamo vilmente !”

Paoli dumanda à Gaffori ciò ch’ellu hè diventata a so’ redita spirituale : a libertà, a cuncordia, u sviluppu di l’agricultura è di l’industria, l’educazione è u cultu di a virtù dicendu :

« Io, prima base a libertà pensai
Esser concordia, e a far concordi i corsi
Ardentemente m’adoprai »

« Io desiai d’ogni gentil dottrina
Destar l’amore, ma il saper mi piacque »

Assupranendu u so’ scuragimentu Paoli è Gaffori sonanu u cornu da rillevà a Corsica per ch’ella ridiventi ella stessa.

« scorriam’ valli, montagne,
borghi, città : prodi, feral coorte,
l’orme nostre seguite. – Andiamo. »

« Ombre de’ Guerrieri
Si, tutti,
Tutti su l’orme tue. »

Paoli.
« Squilli la tromba,
Che al consesso, alla pugne a noi fa guida. »

Cusì, pè a grazia di a voce d’Angelica Palli s’inizia u mitu d’un Paoli, Ombre tutelare in Italia è in Corsica.

Forse si puteria vede in lu votu à a deputazione per « l’Ombra di Pasquale Paoli » in 1838, in lu circuscrizzione di Bastia-Calvi-Corti, molt’altri affari chè una macagna o una fisica eletturale. Ci si ricunnosce dighjà, al dilà di a nustalgia d’un’epuca eroica, a ricunniscenza d’un geniu, u quale, à a misura d’un’ isulella, s’affirma tantu immensu chè quellu di Napuleone, scurdanciu, ellu carcu di gloria, di a so prima patria.

Marie-Jean VINCIGUERRA

Traduzzione corsa di Petru Vachet-Natali