Accolta
Accolta Cap'articulu Interviste Attualit Cultura Crunichette Sport Lingua


Articulu di u numaru 1, ferraghju di u 2007


Lingue dialetti



Ripigliu qu sottu i trmini duna intervista cho aghju fattu tempi f inda sala di scontri di u teatru di Bastia davanti una cuncolta di linguisti a quale u gran linguista Andr Martinet ci avia fattu lonore desse prisente.

I trmini esatti di sta intervista n i possu mintuv avendu persu e mo note essndumi scurdatu di i mo detti stessi ma prumettu ch ledee s sposte cun una grande esattittine.

Ch serianu dunque e lingue ch serianu i dialetti ? Stltima parolla h bellu spessu pigliata cume un sinnimu peghjurante di a prima : un dialettu n seria ch un spezia di lingua pinuccia currotta, senza n rgule, n gramtica, n nunda ch n valeria ch i sapii ci prestssinu una attenzione qualunque. Ropa indegna , in somma, parlata solu da lignurantoni da i paisanacci. Ben intesa ch essendu cus misera di natura, n puderia n entre inde scole n inde laministrazioni per cunsequenza av nisun cartteru doffizialit. Solu e vere lingue serianu degne di stavantaghji. H certa ch stedee vechjttule n s pi inda mente di nisuna persona pena currente di laffari di a lingustica ghjova solu av passiun i scontri di u Caff di u Cumerciu di lAssemblee induvellu si chjachjereghja pi chellu n si dibatte.

Si ste duie parolle s bellu spessu pigliate cume sinnime h chelle hanu qualcosa in cumunu din fatti hanu in cumunu a definizione chella si d e lingue : s traminduie u modu di spressione duna cumunit funzinanu ringrazi a doppia articulazione. Per capisce megliu sta definizione, a pi chjara ch sia mai stata data duna lingua abbisgnanu qualchi spiegazioni; h certa chella n h a prima parte di linfrazata chella ci tocca spieg un sppulu di riflessione a face capisce vene chjara ch a cumunit ch si sprime grazia ssa lingua p esse pi o menu stesa.

Ma ch seria a doppia articulazione ? Una lingua h parlata c i so funemi ch s i soni mnimi ch custituscenu ogni parolla. Diceraghju ch u sonu BA h cumpostu da duii funemi ch si ponu rimbasci, chomu p supprmene unu senza tucc laltru, ch ognunu p esse rimpiazzatu da un altru. Un funema n deve mancu pena esse cunfusu c una lttera bench pi duna volta ci sianu pussibbilit di falla perch da le volte un funema si scrive cun duie lttere. A parolla scimia, per esempiu, tene sei lttere ma cinque funemi : riflettite un sppulu nanzu di pass pi in l scusate sta definizione pena tcnica ma ci vulia falla per sap di ci chomu parla. Ogni lingua o dialettu conta un nmeru finitu di funemi i funemi di una lingua li s proprii n s listessi da una lingua laltra. A pussibbilit daghjungne funemi per furm parolle, h ci chomu chjama a prima articulazione.

A pussibbilit daghjungne parolle per furm fraze h a seconda articulazione si capisce bellu b ch ste duie articulazioni ffrenu una infinit di realisazioni pussbbuli. C ste duie articulazioni ogni lingua o dialettu p sprime a diversit infinita di lesperienza umana.

Sta definizione descrittiva di e lingue h propriu ci ch e distingue da tutti laltri modi di cuminicazione si capisce bellu b ch tuttu modu di spressione ch risponde sta definizione h listessa realit chellu sia qualcosa chomu chjama lingua o qualcosa chomu chjama dialettu ch s dunque listessu listessu affare.

Aghju adupratu spessu i duii trmini lingua dialettu messi vicinu unu cantu laltru. Averianu dunque sensi differenti ? I, ma a sfarenza chella ci p esse da una laltra n h mancu pena lingustica, ma p esse strica, geugrffica, aministrativa o ancu pultica listessu modu di parl p esse volte un dialetu o una lingua. Ci h un passa veni custante da una realit laltra.

Pigliemu, cume esempiu di stu passa veni, u statu lingusticu di lImperiu Rumanu ch cupria tutte e sponde di u Mare Nostru. A vulunt di i cunquistatori era ch una lingua sola ci fussi parlata ma a luntananza da una pruvinza laltra h fattu ch levuluzione si sia fatta di modu differente ch h datu nscita dialetti cus differenti ch da un capu laltru di limperiu lopponente a capiscitura divent diffciule. Ci vole, in sopra pi, vede ch ogni novu dialettu era in cuntattu c lingue parlate nanzu a cunquista o venute dopu.

Fubbe cus chelli nascinu dialetti cume i duii Francesi, u Tuscanu, u Catalanu, u Corsu, u Casteglianu, u Rumenu, ecc.

Vense dopu un tempu ch e grandi nazioni, quelle ch no cunniscimu oghje, fbbenu custituite ch per ragioni di cumidit, vlsenu duttassi di lingue cumune obbligatorie. A facilit fubbe ch ste nazioni sceglssinu unu di i dialetti parlati nantu u terriroriu per fanne a lingua offiziale obbligatoria. A scelta si fece sia per a forza sia perchi un dialettu aghja avutu pi prestigiu ch laltri o per cumudit o per u nmeru i locutori... dialetti diventonu lingue.

Aghju contu qu laccorta cume idiomi chjamati dialetti si s mutati, per via di evenimenti ch n avianu nunda di lingusticu in lingue offiziali ghj certa ch e so caratterstiche lingustiche n hanu cambiatu per nunda.

Allora av per compie, puneraghju sta smplice dumanda : cumu h ch certi di stanziani dialetti si s fatti vede cus sprezzanti fieroci riguardu vere lingue ch, elle, n avianu avutu a furtuna ch era stata a soia ?

Francescu Maria PERFETTINI