Accolta
Accolta Cap'articulu Interviste Attualità Cultura Crunichette Sport Lingua


Articulu di u numaru 6, Lugliu di u 2007


A lingua, a scola è e famiglie



Sò oramai più di dece anni ch’ella cresce, pianu pianu, l’ufferta di l’insignamentu bislinguu. Serianu di più di menu quindeci per centu di i zitelli chì serianu scularizati, à u primu gradu, in scole duve si prateca u corsu à paru à u francese, in tutte e discipline.

Accantu à u capatoghju di a messa in ballu di a generalisazione di e trè ore è dopu, di u bislinguisimu, si pone quellu di a funzione suciulogica di u corsu à a Scola, di modu generale è in e scole bislingue in particulare.


A scelta libera di e famiglie ?

Quesse e scole pruponenu dui andati à e famiglie è à i zitelli. D’una parte, si trova l’insignamentu di e trè ore. Da l’altra, a lingua corsa tenerebbe trà dece è tredeci ore settimanale cun corsi di matematiche, di storia, d’educazione fisica in lingua corsa. Ste duie scelte venenu pruposte à e famiglie attempu à a scrizzione di i zitelli in scola. Si sà chì quandu e famiglie ponu sceglie u trafilu, a lingua, u prufessore o a scola, ch’ella hè sciolta a carta sculare, nasce sempre o si sviluppa ancu di più, s’omu ùn ci face micca abbastanza casu, a segregazione sculare, à prò di e famiglie e più infurmate è manesche incù a Scola.

Tandu, ci volerebbe à generalizà l’insignamentu bislinguu in quattru è trè sette. Ma s’è l’ubligazione hè una via ver di l’ugualità, pare ch’ella fussi più un ideale ch’è una suluzione, ancu à longu andà, micca per via di u ricusu di e famiglie ma per via di a debbulezza di a mutivazione quant’è di e cumpetenze linguaghjaghje di certi maestri.


Una lingua sculare senza funzione suciale ?

Eppuru, ci vole à luttà contr’à l’adopru segregativu di i trafili bislingui da certe famiglie. Per ch’ellu ritrovi e so funzione suciale, pupulare è paisane, ùn ci vole micca chì u corsu perdi a so lighjittimità. Ci vole à fà casu ch’ellu ùn diventi, malgratu l’insignamentu di e trè ore, a lingua chì permetti di schisà a frequentazione di certi zitelli chì anu di menu capitale sculare, suciale o ecunomicu in a so famiglia o di più culore nant’à a so pelle. Invece d’esse un arnese di viulenza simbolica à prò di a segregazione, ci vole ch’ellu diventi un mezu di sucialisazione di i zitelli, in scola ma dinù in e so attività spurtive o artistiche fora scola. Altrimente, cum’è una rivincita indarna è tragica, u corsu diventerebbe una lingua senza orizonte altru ch’è quellu sculare !


Prumove a qualità o a quantità di i siti bislingui ?

Sò scarse e suluzione. Attenti à ùn intrappulà si in quessi i capatoghji ! Attenti à ùn micca fà u passu più longu ch’è l’infurcatura trà l’efficacità è l’equità ! Accresce a qualità di l’insignamentu bislinguu, sarebbe una bona, di sicura. Ma a fama, bunissima, di certe scole, s’ella inghjenna a scrizzione d’assai zitelli, ùn permette l’accolta di tutti, perchè mancanu i maestri capaci è vuluntarii per insignà nun solu u corsu ma dinù in corsu. Tandu l’Educazione Naziunale sceglie è ricusa certi zitelli.

Eri pruibitu à a scola, pare chì u corsu fussi oramai vittime di u so successu, di a dumanda famigliale. In quantu à l’andatu di a quantità, s’ellu puderebbe cuntene e strategie famigliale di schisera, mancu à pensà la ! A cursufunia di i maestri ùn ci permette di multiplicà i siti bislingui. D’altronde, s’ella era pussibule, a fariamu subitu subitu. À l’incuntrariu, ben ch’ellu si vesti pianpianinu di i panni d’una lingua elaburata, sparta è paisana, ci pudemu aspettà à una crescita di l’uppusizione di certi maestri à l’apertura di siti bislingui novi. A ragiò, ùn andemu più à circà la ind’è l’ideulugie ma ind’è u curpuratisimu è u funziunarisimu. Serà l’ogettu d’un articulu à vene !

Sébastien Quenot