Accolta
Accolta Cap'articulu Interviste Attualit Cultura Crunichette Sport Lingua


Articulu di u numaru 7, Sittembre di u 2007


I maestri a lingua corsa



H facultativu l'insignamentu di u corsu. Nun solu per i zitelli, ma din per i maestri. Mentre li si dumanda d'esse cumpetenti in tutte e materie, e cumpetenze in corsu, l'usciu di a so furmazione l'IUFM, n s pigliate in contu in a so integrazione definitiva. Peghju, anziani stiturori cursofoni mugugnanu quandu li tocca insign u corsu.

Cumu h ch'ella vene pussibule sta situazione in pettu a lingua, ma sopratuttu in pettu l'equit tr u travagliu di i maestri l'integrazione suciale culturale d'ogni zitellu in Corsica ?


I maestri l'insignamentu di u corsu

Prima, ci vole usserv ch'elli s tutti funziunarii i maestri. Asi provanu di rispett l'istruzzione ufficiale c i mezi ch li s dati. Da qu, venenu pussibule tante manere di pratic sta prufessione. In fatti d'insignamentu di u corsu, ch s'indieghja da veru, per ch'ellu fussi un mudellu, per a Scola quant' per a sucet, ch caccia e cagione di a diglussia di a difficult d'ampar a lingua ma din d'insign la. Ogni male vole a so scusa, n h ?


Da i militanti i prufessiunali

Accade i primi di sfiat si, dopu tamanta santa cruciata. S'ellu h un piac di sente cursachjoli parlichjul u corsu, per i maestri, ancu puru quelli militanti, h din un casticu l'insignamentu bislinguu.

U travagliu d'approntu di i corsi d'un maestru bislinguu trapassa quellu d'un antru maestru perch ci vole adatt tutti i puntali in lingua corsa. Quandu una maestra h ancu una mamma in casa, h bella sicura ch li piace di pi d'annann a so ciuccia ch' di traduce scartafaccii. Ci trover di sicuru di pi piac ricunniscenza, ancu puru s'ella a tene in core a lingua corsa.

Epp ci s i parenti impenseriti. Ci vole allusing li. Ci vole cant li centu volte listessa riturnella pr di u bislinguisimu. Invece, inc u sviluppu di e tennulugie nove di a glubalisazione, u penseru, s l'altri, i monolingui ch averianu av lu ! Sar cus impiciata ind' noi l'ideulugia monolingua ? I maestri oghjinchi n s pi quelli militanti di nanzu. S prufessiunali ch volenu una ricunniscenza ghjusta di u so travagliu.

Nata a lege, nata a malizia

i secondi, li si puderia risponde, prima, ch nimu nasce amparatu, ma din ch'elli anu a ragi, perch a debbulezza di u statutu di a lingua n li d l'ubligazione di mette e mani in pasta.

Ma quessi, per u pi, n rachjanu per l'ufficialisazione di u corsu ma contr' a so sparghjera. Da e vittime di a diglussia i funziunarii laziosi, s'accresce u numeru di i maestri incapaci d'insign u corsu. Secondu l'Ispettore d'Accademia, 38% di i maestri dichjaravanu n micca pud insign u corsu in u 2005 mentre eranu 27% ind' u 2000.

Mancu u cuncorsu specificu l'h fatta mantene u numeru di i maestri bislingui. Cumu sar ?

quelli ch si dicenu incapaci, l'istituzione rigala un intervenente senza d li in scambiu una furmazione linguistica didattica. Cus, quessi, si riposanu un oretta, i zitelli entrenu ind' e statistiche di l'Accademia, e famiglie credenu ch u zitellu ampara u corsu l'intervenente si tene un impiegu.

L'ugualitarisimu impedisce l'equit Attenti, quessa, n h mancu appena un risultatu viziosu di a lege di u 2002. U prublema, n h mancu l'individualisimu di e ghjente. n ci si p f nunda. St sopratuttu ind' u statutu di i funziunarii. Ch'elli abbinu cumpetenze pare o micca, pocu impreme per l'istituzione.

Cus, l'ugualitarisimu di a funzione publica v l'incontru di l'equit tr i maestri ma din di i zitelli in pettu a Scola. I figlioli di i pi favurizati anderanu sempre ind' e scole e pi bone. S'allenta cus l'innuvazione pedagogica dunque u spannamentu di i giovani di a Corsica.

Sbastien Quenot