Accolta
Accolta Cap'articulu Interviste Attualità Cultura Crunichette Sport Lingua


Articulu di u numaru 14, Maghju di u 2008


Una lingua faciule, una lingua light…



Poca scumessa ch’ella hè a nostra, di porghje vi stu pezzu di carta in lingua corsa. Oghje chì hè oghje, i Corsi sò sempre per u più analfabeti in a so lingua o intimuriti in pettu à a so lettura.

Eppuru, ùn s’ampara à leghje chè una sola volta è basta à pruvà per avvede si chì a lettura di u corsu ùn vene cusì difficiule. Hè più un prublema d’angoscia chè di cumpetenze. In pettu à sta situazione, si puderebbe prupone una lingua light…

È chì sarebbe què ? U Coca-cola è i caghjati senza zuccheru, li cunniscimu, ma a lingua pò ! Hè una manera di cuncilià u piacè è a salute… U piacè di a lettura per a salute di a lingua. Cusì bella st’idea ! Pare tuttu una publicità.

Una robba light, ghjè muderna, à a moda, in cima di a scala di u prugressu. Ma si puderanu sempre francà i sforzi per amparà qualcosa ?

Quand’è vo’realizate un prugettu, ch’è vo’la fate à scioglie un capatoghju, vi vene un suppulu di piacè, ùn hè vera ? À rombu di fughje à corri corri in pettu à ogni difficultà, li colla l’affanu à i slaziati. Mi si pare ch’ellu fussi più umanu l’asgiu di a scumessa !

Ci n’hè pochi esempii in u mondu… Tenite à Churchill in pettu à Hitler o quill’altri chì anu marchjatu nant’à a luna ! Pudianu scialà si la in casa invece di piglià tamanti risichi. Leghje una passata in corsu, darà di menu batticore ma, à l’ultimu, a mi pensu ch’omu sente u piacè, sia d’avè lettu qualcosa d’uriginale, sia d’avè la pussuta fà.

U prublema hè chì u scopu cummunicativu di u scrittore pò caccià una parte di u missaghju, di a so sputichezza, di a so qualità dinù. Bellu aspessu, e robbe light ùn sò cusì savurite… Mi si pare ch’ellu fussi quessu un inghjocu maiò per a lingua corsa, moltu più quandu si sà chì simu in a sucetà di l’infurmazione è chì tante è tante nutizie venenu in cuncurrenza, una cacciendu l’altra, è tira avanti è tocca.

In quantu à quelli chì a si provanu à mantene una lingua idealizata è santificata, pigliendu si di passione per u lessicu di u scarparu di a pieve di u so arcibabbone, a mi pensu chì s’elli sò sinceri è s’ellu ci vole à falla, ma vistu a cursufunia di a ghjuventù, sarebbe più ora à demucratizà è à nurmalizà l’usu di a lingua chè à fà ne un affare tenutu solu da spizialisti.

S’omu li dà e cundizione di a so spannata, a lingua corsa puderà alluntanà si da u felibrigiu elitista quant’è da u periculu light… I Ghjudei l’anu fatta à rinvivisce a so lingua. Ùn seremu mancu capaci noi à discità a nostra ?

Sebastianu QUENOT