Accolta
Accolta Cap'articulu Interviste Attualità Cultura Crunichette Sport Lingua


Articulu di u numaru 13, Aprile di u 2008


Tonton :

“Ci vole à esse vestutu di neru è azezu sticchitu per esse un veru artistu corsu ?”



Federicu Antonpietri, cunnisciutu sott’à u cugnome di Tonton, hè un artistu attìpicu. Membru fundatore di u gruppu I Cantelli cun quale hà fattu dui dischetti, s’hè lanciatu solu in un album, intitulatu Tonton, à a culurazione folk (cun ghitarra è armonica). Ma ind’è ellu ùn ci vole à circà nè missagiu nè attu militante. Sola a vuluntà di fà belle puesie, belle musiche, è d’esce da e strade battute…


Cumu sò nati I Cantelli ? Ci pudete cuntà l’orìgine di u gruppu ?


Pensu chì ghjera in lu 94, in Corti, incu Petru Gambini è Paulu Miniconi, n’aviamu una techja di sta spressione loscia è languente di li nostri canti, tandu, avemu decisu di “boostà” ste canzone incù un’energia salvatica è umoristica… Più vicina di ciò ch’è no vuliamu sente è ch’ùn truvavamu micca ind’a pruduzzione culturale di l’epica. U gruppu hè natu cusì. Dopu, e creazione si sò imposte da per elle, vuliamu una cuesione trà a musica è e parolle, ùn ci hè statu nè calculu, nè scopu, nè missaghju, solu una vulintà di sprime a nostra visione di u cantu corsu.


Ch’ellu sia innù i vostri dui album cù I Cantelli o u vostru album « solo », avete sempre cantatu in corsu. Perchè sta scelta ? Ci vulerà à vedeci un attu militante o nò ?

Cantà in Corsu sarà sempre vistu da certe persone cum’un attu militante, colpa à a spressione “puliticu- culturale” di l’anni settanta… In fatti, scelta ùn ci n’hè stata, mancu s’hè posta a questione, aghju adupratu a lingua corsa in le mio canzone per a ragione suprana : u piacè. È d’un puntu di vista puru persunale, aghju sempre vistu u militantisimu cum’un imbutu à una vera creazione libera…


Certi vi rimpruvereghjanu chì a lingua ch’è vo aduprate innù e vostre canzone hè semplice, ch’ella manca di ricerca o ch’ella hè sfrancisata. Chì li rispundite ? Pruvucazione, vuluntà di dessacralizà a lingua ?

S’o guardu li mio rumanzi preferiti in lingua corsa, Pesciu Anguilla (di Sebastiano Dalzeto) è 51 Pegasi (di Marcu Biancarelli), chì sò, di più, à l’antipodi storichi di a literatura nustrale, mi dicu chì ciò chì m’intaressa u più ind’a scrittura hè di ghjucà incù a lingua : ritruvà a spressione pupulare di li carrughji, “creolà” u vucabulariu pè fanne un Francorsu, Americorsu o Italocorsu ; inventà parolle, mischjà verbi per fanne d’altri, scambià l’urtugraffia, etc., anch’i smileghji ! ;-) Eppò, sta lingua hè meia, nò ? Dunque facciu ciò ch’e vogliu.


E vostre canzone scambianu da ciò ch’è no eramu abituati di sente in Corsica. Parlate di sessu, di briachine, di cazzuttate, ancu di cunsanguinità, parlate di a sucetà corsa di manera umuristica ma realista. Allora falanu scutrate, ognunu n’hà pè u so contu è certi vi vedenu cum’è pruvucatori. Chì hè u vostru parè ?

Ghjè vera ch’à l’epica di li Cantelli sti sughjetti m’interessavanu (è ghjè vera, c’era dinù stu piacè di pruvucà appenna)… Ma bon, u giru hè statu prestu fattu ! Ùn aghju micca da cantà storie di studienti briachi in bisticu tutt’a mo vita… Oghje, à dilla franca, per scrive, mi n’enfuttu cumplettamente di e realità di a nostra sucetà, di e nutizie, di a pulitica, di la storia, di l’ambiente, di li prublemi suciali è di tutte ste cunnerie… Per parlà di què, ci hè Corse- Matin o Corsica sera. Ùn vogliu più guastà puesia per sughjetti cusì, a magia di a musica è di a lingua hè troppu luntana è suprana st’affari…


Avete fattu a scelta di u “pop rock nustrale”, luntanu da i gruppi più “tradiziunali”. Serà una via più difficiule ? Cumu reagisce u pùblicu ?

Ùn’avemu mai messu in oppusizione a nostra musica oghjinca è u cantu “tradiziunale”, hè solu chì à listessu tempu chè no cantavamu paghjelle o sunavamu musiche di quadrigliu, ascultavamu dinù ciò chì si facia in altrò. Aghju campatu è travagliatu in Irlanda, sunava di banjò incu un gruppu in Dublin chjamatu Grasp, u dopu meziornu feciamu musica tradiziunale Irlandese in carrughju è a sera sunavamu pop-rock elettrica ind’i pub ! Aghju pruvatu di tene sta “schisufrenia artistica” di ritornu in paese ! Per u restu, pensu chì e difficultà sò listesse per tutti i musicanti isulani, è quant’à u publicu, avemu i nostri sustenidori accaniti, ma per certi ùn femu micca “vera musica corsa”, ci hè da crede chì ci vole à esse vestutu di neru, azezu sticchitu annant’a scena, è briunà “libertà libertà” incù ritimi di ghitarra sud-americani per esse un veru artistu lucale…


Chì sguardu avete nant’à a pruduzzione musicale corsa d’oghje ?

S’assumiglia à ciò chì si passa dapartuttu, certi anu fattu a scelta d’un travagliu seriu è sinceru, creazione cuerente, ch’elle sianu ind’u stilu di a tradizione o più muderne (pensu à e pruduzzione di Paul Cesari, Altru latu, Sekli, Paul Miniconi, a Filetta, Voce ventu, Manât, è tant’altri). D’altrò, u fenomenu di l’ “home studio” ci hà arricatu dischi di merda abuminevuli, a prima closcia inc’un urdinatore pò oghje fà un discu ind’a so cucina, ùn parlu mancu di sti crooner di pizzerie chì rompenu l’arechje ancu à i pumatachji istatine sane !


Dopu à i dui dischetti di i Cantelli vi site lanciatu solu in un album (intitulatu Tonton), erate stufu di i vostri cumpagni ? Vuluntà di splurà un’antru registru musicale ?

M’ingonfienu e cuncessione, u “gruppu” in lu so sensu u più largu, mi stumaca, u “gruppu” hè surghjente di fagucitazione, di perdita d’indivitualità, di spiritu unicu, è pocu a pocu volta u cristianu in pecura… Di più, ùn vogliu micca discutà quindeci anni annant’à l’accunciamente musicale d’una di le mio canzone. Avà chì sò solu, aghju sempre ragiò, ancu s’è u risultatu hè goffu.


Chì sò avà i vostri prugetti ?

Travagliemu avà tutti i trè incù Paul Cesari è Paul Miniconi, simu dinù accumpagnati da Bruno Vidal à a batteria è Jean-Marie Gianelli à a bassa. Avemu principiatu a scena incù sta formula nova. U scopu hè di prupone un mischju di li nostri trè dischetti. Avemu datu un cuncertu in l’Aghja in Aiacciu, era una sorta di test per sta furmazione... Fermanu qualchì ditaglii à regulà... Ma da quì à pocu avemu da esse pronti per “sciappà tuttu” incù un sonu tremendu è accunciamenti musicali salvatichi... Pripargu dinù quattru tituli novi ch’anu da esce in fin’di veranu. Ci hè ancu u mio situ web www.tontonpietri.com induve aghju da mette di più soni, ritratti è videò. Un antru prughjettu hà da vede u ghjornu annant’u net, si chjamerà “CorsicaTiVi”, una parudia di a televisiò nustrale...


Ultima dumanda, chì sò i dischi è l’artisti chì sò stati impurtanti per voi ?

I primi dischi di Canta u populu Corsu (u mio preferitu Théâtre de la ville), Bob Dylan (tutti, ma sopr’à tuttu Blonde on blonde), Beatles, Rolling Stones, Isula (L’ultimu viaghju è L’anghjul’ in infernu), Serge Gainsbourg (epica pop inglesa di l’anni settanta), I Chjami Aghjalesi (Cuntrasti è ricuccate), I Mantini, L’Arcusgi, The Clash, Madness, The pogues (If I should fall from grace with god, una maraviglia…), u fondu Quilici, Oasis, Blur. Bon, hè difficiule, ci n’hè tanti…Oghje mi techju di The Babyshambles, Cocoon, è un’artista giappunesa chì si chjama Ayano Tsuji.

Intervista realizata da Petru Paulu de Casabianca