Accolta
Accolta Cap'articulu Interviste Attualit Cultura Crunichette Sport Lingua


Articulu di u numaru 7, Sittembre di u 2007


Version franaise

A suluzione purtuaria di Bastia per i piscadori



A Nazione: A CTC vole mudific u portu di cummerciu attuale di Bastia prupone dui prughjetti: ingrend u portu attuale o custru un portu novu a Carbonite. Voi, qualessu sciglite ?

Gherardu Romiti:
A prufessione di i piscadori ghj contr' a custruzzione d'un novu portu a Carbonite. Simu assuciati c u cullettivu Portu di Bastia prupunimu l'acriscimentu di u portu attuale. Indittemu l'allungamentu di a diga Este di 250 metri c un'urientazione Sud Este. Sta diga prisenta uni pochi di vantaghji: assicurreria prutegeria da i timpurali duminenti (reffiche da Nord'Este) tutt'u bacinu di u portu di cummerciu, ma din u bacinu di u Vechju Portu ch si trova sott' u giardinu Romieux ch n h mancu sfruttatu! Una lunghezza di 250 metri permetteria di riceve per i dui mesi d'istatina qualch super ferry, d'accunci un spazziu terrestru ch basteria p assicur tutt'a logistica di i spiazzamenti di flussi.


A.N.: Sta suluzione vi pare pi campateghja durevule ecunumicamente ?

G.R.:
Di sicuru. U bilanciu di a CTC n h micca previstu abbastanza crediti per assicur tamantu prughjettu (circa 300 millioni d'Euri). L'allungamentu di a diga seria assai pi raziunale purterebbe un'usu pi ghjustu di i fondi publichi.

Mantene a securit di u portu di cummerciu, denduli una pruspettiva di crescita ammaistrata, eccu una suluzione ragiunevule adatta p a Corsica.

D'altronde, l'allungamentu di a diga ghjuverebbe din u sviluppu di u Vechju Portu. Sicurendulu, pudemu riaccunci tuttu stu spazziu di belezza, colmu di patrimoniu storicu, ch darebbe un'attrazzione turistica mai a cit di Bastia. Cum' piscadore din, contu veramente nant' stu prughjettu di riaccunciamentu di u Vechju Portu ch u valurizeria, c'integreria noi altri prufeziunali. A cit di Bastia deve fassi sente mustrassi stintosa nant' stu cartulare.


A.N.: U prughjettu di a Carbonite, ci andate contru ancu c argumenti eculogichi ?

G.R.:
Senza dubbitu alcunu, u mantenimentu d'un equilibriu eculogicu sanu h impurtantissimu p u nostru mistieru. U prughjettu di a Carbonite strughjerebbe parechje centinaie d'ettari di pusidunie, ch s i pulmoni di u Mediterraniu, ma din assai altre spezie prutette endemiche. Ci h stata un'evoluzione ind' a nostra prufessione , oghje, si tene assai contu di tutt'e nuzione di u sviluppu durevule.

Tandu, sviluppemu prughjetti muderni cum' l'immersione di scoglii artificiali. U portu di a Carbonite rapresenta un ostaculu mai ch impedir a riesciuta di i ripupulamenti aspettati inc i nostri scoglii. Stu prughjettu h din un spaventu riguardu i risichi di sparizione di a costa renosa , di a laguna di a Marana infine di u stagnu di Biguglia. Oghje ch h oghje nimu n p sap ch seranu e cunsequenze d'un tale travagliu annant' a circulazione di i sedimenti: cunniscimu digi,disgraziatamente, l'esempiu u sperimentu di u portu di Taverna. Eccu din perch a scelta di l'increscimentu di u portu attuale h assai pi sicura.


A.N.: Ci avete parlatu di u vostru mistieru di prufeziunale di a pesca; u prughjettu di a Carbonite ghj una minaccia per u vostru mistieru ?

G.R.:
I. n ci vole micca scurdassi ch avemu digi sacrificatu a scugliera di Toga a so piaghja p custru un portu di turismu ch n h micca statu a riesciuta ch omu aspittava. U situ di a Carbonite strughjeria zone di pesca essenziale p i nostri 15 piscadori bastiacci ch n anu mutori abbastanza putenti per pisc al dil di a punta d'Arcu. A nostra zona di sfruttamentu si riduce ogni ghjornu l'affari vanu di male in peghju per via di una logica di u turismu esclusivu ch ci porta caternu; quessa n la pudemu micca accitt. Sarebbe ghjustu di sacric u mistieru pi vechju di u mondu per suddisf l'interessi di 3 cumpagnie maritime ? U turismu ghj un'attivit ecunomica nicessaria per a Corsica, ma deve esse ben pinsata ammaistrata cummu ci vole, ch n andessi assufucassi da per ella. U situ di a Carbonite ci purter una decina di millioni di turisti p l'estate: n avemu mancu appena a capacit nicessaria p accoglieli. Ci vole d'altronde riflette nant' ssi punti: ch stagiunalit p l'attivit ecunomica ? Cumu annualis i cuntratti di travagliu p mantene un equilibriu suciale ind' l'isula ? Ch servizii svilupp ? Ch mudelli ? Cumu valuriz i nostri artisgiani (piscadori, agricultori, cultellaghji, ...) ?

S' mai n rispundissimu micca sse dumande, Bastia diventeria un scalu di transitu per a Sardegna, quessa n ne vulemu sente parl.