Accolta
Accolta Cap'articulu Interviste Attualità Cultura Crunichette Sport Lingua


Articulu di u numaru 2, marzu di u 2007



Ghjiseppu Colombani

“ Custruisce un esempiu di sviluppu in u mediterraniu ”



Incù i resultati chè vo’ aveti avutu à l’elezzioni à a Camara d’agricultura di Corsica Suprana, cumu vedite a seguita di u vosciu mandatu sindicale ? Chì ani da esse l’orientazioni fondamentali di a voscia rivendicazioni per pudè travaddà cù a nuvella camara d’agricultura ?

Ghjè rinfurzatu u nostru mandatu, chè no’ semu a prima forza d’agricultori di tutta l’isula. L’agricultori anu ricunnisciutu a nostra capacità à purtà una rivindicazione.

Ghjè per què chè no’ avemu prupostu à a nova camara quattru orientazioni maiò per salvà l’agricultura, chì sò : amaestrà u fundariu, u finanziamentu publicu è privatu, u marcatu, i transporti.


Si pò aspittà chì un’urganizazioni nova di a nostra agricultura ci pudissi indià versu una pruduzzioni chì suddisfarìa i bisogni alimentarii di a Corsica è in cunsiquenza di fà calà u prezzu di a vita ?

L’autosuffisanza alimentaria ghjè una cosa impussibile, ma riducia a nostra dipendanza alimentaria ghjè più chè nicissaria per a salvezza di a Corsica. Per què, ci vole à cunservà u carattaru agriculu di a piaghja orientale è fà una missa in valore agricula di a muntagna cum’è quella chì ghjè stata fatta in piaghja per aiutà i “ pedi neri ”.

È ghjè vera chì più dipendimu d’altrò, più a ci facenu pagà. Dumani l’alimentariu hà da essa un’arma tremenda in mani à qualchì gruppu pà sutisfà i nove miliardi d’abitanti di a terra.


Si trova a Corsica, com’è tutti i paesi, in u marcatu mundiali, veni à dì ch’edda hè in ubligazioni d’impattà i so scambii cummirciali. Sarìa pussìbuli, sicondu vo, di rinfurzà una pulìtica di prudutti di forti valutazioni (idintitarii o nò) è qualessi sarìani i sittori d’attività à metta in òpara ?

Ci vole à capì chì tutti i sorti di produzzione t’anu i so limiti. Vale per a produzzione di qualità, chì rivene caru à u pruduttore è à u cunsumadore, cum’è per a produzzione di quantità, chì pò custà caru à l’ambiente è ùn essa micca cuncurrenziale di fronte à a produzzione mundiale. Per a Corsica ci vole à essa prammaticu è fà secondu i lochi ciò chì cunvene u megliu. A finalità seria d’accupà u più pussibile u spaziu par ghjenti prufeziunali.


Chì ci pudeti dì oghji nant’à a PAC ? Comu sarìa pussìbuli chì l’agricultura di a Corsica si ni truvessi bè ?

A PAC, oghje, hè fatta per diminuiscia a produzzione, è ghjè esattamente u cuntrariu chì ci vole per a Corsica. Ci vularia ch’ella sia ricunnisciuta, da Pariggi è da Bruxelles, a nostra situazione di sottu produzzione. Ci permettaria d’avè l’aiutu per a messa in valore di a muntagna, cusì ritruvaria a so capacità di produzzione, piuttostu di qualità, è cusì fà diminuiscia i spesi ingagiati per luttà cuntru à l’incendii.


Ind’è no u cunniscimu u pesu di a struttura giacubbina. Pinseti chì oghji, s’edda sbuccessi una forza di cuntistazioni in l’agricultura corsa, si pudarìa cambià i nostri raporti cù Bruxelles ?

Pensu chì, sola, l’agricultura corsa ùn pò ghjunghja à esse presente in Bruxelles. Ma federendu, in primu locu, tutti l’agricultori, è pò dopu tutti i Camari consulari di i mistieri è di u cummerciu, tandu sì, avendu un prugettu “ endogene ” fattu per l’interessu esclusivu è cullettivu di u populu corsu, allora si pò pensà ancu chì Bruxelles ùn dumandaria chè megliu d’avè in lu mediterraniu un esempiu di sviluppu armunizatu trà u liturale è l’internu, trà una sucietà tradiziunale aparta à u turisimu è un equilibriu trà i settori primarii, sicondarii è terziarii.


L’alizzioni di a Càmara d’agricultura di 2007 ani purtatu una cambiazioni impurtanti in Pumonti è dinò in Cismonte. Pinseti dunqua chì u rinforzu di a Càmara righjunali pudissi impona una certa unità d’azzioni avviata à una pulìtica agrìcula nova è chì sta nova pulìtica pigliaristi in contu i bisogni di un’ecunumìa chì ferma à custruì ? È chì, à listessu tempu, rinfurzarìa a parti di l’agricultura in l’assistamentu è a cunsirvazioni di u fundiariu corsu ?

A camara regiunale ghjè l’avvene di a ripresentazione di tutti l’agricultori corsi, ma ci vulerà à ghjunghja à una simplificazione di l’amministrazione chì spulvariceghja e respunsabilità è i soldi dati per u sviloppu di a nostra campagna. Cercandu a sinergia di tutti st’amministrazioni ci avemu d’avveda chì ci ponu bastà i soldi chè n’avemu digià. 280 000 abitanti ùn so monda à fà campà in una isula ricca com’ella hè a Corsica, è tandu u fundariu sarà prutettu naturalamente per un populu fieru di a so terra è cunfidente in l’avvene...


Intarvista fatta da Ghjacumu Faggianelli