Accolta
Accolta Cap'articulu Interviste Attualità Cultura Crunichette Sport Lingua


Articulu di u numaru 3, Aprile di u 2007


Version française



Antone AIELLO
Presidente di l’Università di Corsica

Custruisce una sucetà nova



In u 2006 è ancu stu primu trimestru 2007, vi si hè vistu è intesu parechje volte in lotta...

Ci ne serebbimu passati vulinteri, cridite la puru... Cum’ella si hè compia, di prima cù l’esecutivu di a CTC è dopu cù u statu, chì questu è quellu ci avianu nigatu ciò chì era lecitu è chì ci venia, oghje ci rallegremu ch’ella ci sia riesciuta à bè. Oramai ripartimu nantu à fundamenti chjarificati è rinnuvati. È puru, figurate vi quanta energia spesa pè ùn rinculà ! Ma ùn ci hè dubbitu alcunu : sò vicende quesse chì l’università di a Corsica ci hà rinfurzatu a so determinazione per cresce... è per riesce ! È dice bè chì s’ellu ci vulerà à rifà a dimustrazione, ùn ci hè frizzione : a riferemu.


Da u principiu l’andatura di l’università pare ch’ella sia stata casticata...

Serà ligata cun l’ambizione chì l’hà parturita ! Di fatti, dapoi duiecentu quaranta anni, à traversu tempi differenti, mutazione di epiche è di ambienti pulitichi, ecunomichi è suciali, si vede un solcu chì spunta da i tempi di i Lumi è si tira, dirittu dirittu, sina à i ghjorni d’oghje, è chì ùn pianta quì, merà. Tira ver di l’avvene, è ci andemu, sicuri d’esse in un suminatu chì porta frutti è certezze. Acreazione di l’Università, Paoli l’hà purtata in senu à un prugettu tutale, saldatu cun l’altru restu d’un’opera chì trapassa l’isula.


Credenu certi ch’ellu hè stata un prugettu sprupusitatu riguardu à e capacità di l’isula.

Paoli, a sapia chì ind’è l’Europa di tandu ùn mancavanu e facultà di studii maiò, di nomina in l’Europa, è d’altronde i Corsi e praticavanu da sempre, sopra à tuttu quelle di l’Italia vicina. Creà un’università in un locu cum’ella era a Corsica tandu avia un significatu tamantu, sia da impuntellà a vuluntà naziunale corsa, sia da porghje li i strumenti pratichi di a so realizazione in a mudernità di l’epica. U gestu di a creazione di l’università paulista vene in un cuntestu storicu chì li dà un livellu altissimu. Palesa un pensamentu di vanguardia, in u bullore generale di l’idea illuministica chì corre per l’Europa sana è si imbatte nantu à i mendi d’isse vechje sucetà assulutistiche.


Un’altra volta, u vechju sognu di creà l’Omu nuvellu ?

Micca sognu, ma prugettu puliticu è suciale! Si trattava di furmà una generazione nova di rispunsevuli di u sviluppu futuru di l’isula. Ci vulia à liberà li di e tradizione ideulogiche di e sucetà circunvicine. Issi giovani custì, Paoli in a so visione i vidia allevà si è furmà si in e cumpetenze riquiste senza spiccà si da u territoriu è da a cultura nativa. Firmati in leia stretta cù a cultura, e primure di u paese è a so vita sputica, i pensava più capaci à capisce è à inventà una sucetà sana sana, à l’orlu di un sviluppu novu, à u mumentu ch’ellu si sentia incrinà si i muri di l’Anziani Regimi è scrimizà l’alba di Tempi Novi. Ùn era solu di fà studii in casa soia, nè di fà nasce un gruppu di funziunarii fidati di l’amministrazione lucale. U prugettu di Paoli fighjava più insù. È più in là !


1765-1768 : trè anni di vita sò pochi per compie un’opera simule !

L’università fù prestu chjosa per via di a cunquista francese. Dopu compia a guerra, i Corsi ùn stancionu di chere ch’ella fussi turnata à apre. In a storia ci sò i mumenti chì parse a riapertura un affare di mesi, di simane puru. Cum’è in u 1820, in cor’di quella sessione di a Sucetà d’Istruzzione Publica di a Corsica. U raportu presentatu da Ghjuvanni Austinu Santini annunziava iss’avvenimentu. U prugettu fiascò : perchè, à l’epica ùn si hè sappiutu à u ghjustu. Ma i ducumenti di l’archivii a ci dicenu : l’idea di custituisce dinù e facultà in Corti era appughjata da un currente di opinione simbulizatu da Salvatore Viale è suspettu à l’auturità accademiche, prefetturale, ministeriale. U Cunsigliu generale di a Corsica ùn si scuragì è tutti l’anni cuntinuò à vutà i crediti pè apre isse facultà in Corti. L’archiviu insegna in u 1829 l’ultimu sforzu di Santini, diventatu in u frattempu Ispettore d’Accademia. Aùh ! l’uppusizione era piatta, ma forte. L’università di a Corsica fù mantenuta chjosa è serrata per calculu è per ideulugia di statu.


Dice chì mai hè stanciata l’idea di a riapertura...

In isse cundizione, ùn ci hè da stupisce si di vede chì a quistione sia dinù in prima ligna di u prugrama di l’anni 1970 chì a purtonu associi studianti è rivendicativi : CSC, “Palazzu Naziunale”, “Università di Estate”, è cet... cun, di sicuru, i pulitichi. U Direttoriu stabbilitu in seguitu à a missione Libert Bou mosse una riflessione assai creativa in quantu à ciò ch’ella devia esse l’università. A fine di a missione Bou, a suppressione di u Direttoriu, a numinazione di Pascal Arrighi da presidente di l’Università fecenu falà a piulata in u 1976. Epica marcata da sottumissione pocu degne ma ancu belle resistenze, degne è solide : cusì fece Farrandu Ettori ricusandu a piazza offerta li in u Cunsigliu stabbilitu da Parigi. Una manera oghjinca d’esse paulistu. L’anni dopu, sò sempre in l’attualità, fatti d’avanzate è di scuzzulate, ma l’università di Corsica hè crisciuta. S’hè fatta.


U bilanciu, allora, vi pare pusitivu dopu à 26 anni d’esistenza ?

Ùn hè ancu ora di tirà i conti, ma dui elementi di valutazione l’avemu ammaniti. Turnata à apre in u 1981, eranu tandu à l’asgiu 350 studianti ind’è lucali previsti per 500 à u più (soca si serà pensatu ch’elli ùn sarebbinu mai tanti !). Ma ùn durò tantu : dece anni dopu, in u 1991 avianu francatu i 1500 (ma u casale s’era firmatu per 500 !). In u 1998 eranu 3200 è in u 2006 4200 ! E sciffre parlanu, più chè l’idee false, i pregiudizii è u puttachju.


Iè, ma vi si rimpruvereghja d’ùn avè tutte e furmazioni ch’elli bramanu i Corsi...

Si pò dà, ma ùn hè poca l’offerta. Ùn parlemu di furmazione in vista, cum’è u primu annu di Medicina... A pedagugia è a furmazione ? L’università d’oghje sò 140 annate di furmazione, urganizata nantu à una sesta europea (Licenza/Master/Dutturatu) cuncipita per favurizà l’accolta è i baratti. Un’altra prova di l’apertura à l’internaziunale ? Nantu à i campus sò 55 e naziunalità presente. In i travagli partenarii sò assuciate 100 università situate pè issa pianetta. L’università di u 2007 sbalancata nantu à u mondu sanu face cennu à l’idea paulina chì a fece nasce.


Correnu certe critiche in quantu à i persunali, u valore di a ricerca...

Lachemu grachjà è fighjemu i fatti. Dui indicadori dinù pè a ricerca è a vita di l’istituzione : l’insignanti titulari sò 230, l’intervenenti prufeziunali assuciati è incaricati di lezziò sò 590, l’amministrativi 130. À l’annu, senza cuntà l’altru restu, sò 250 e publicazione sugellate da un valore internaziunale (vene à dì cullucate in riviste è publicazione scentifiche cù i so cumitati è ghjurie ricunnisciute à l’internaziunale).

Un altru fattu chì spicca è ci porta a certificazione di l’istituti maiò cum’è u CNRS, hè u modu ch’ella hè urganizata l’attività di a ricerca. Sò prublematiche chì uniscenu e primure di a ricerca internaziunale è l’interessu d’un’appiicazione à u terrenu corsu. Dunque sò sei prugetti glubali à articulà inseme i travaglii purtati da i circadori nantu à : Risichi è Fochi, Identità è Patrimonii, Dinamica di i Territorii, Gestione di l’Acqua, Energie è Rinnovu, Risolse Naturale. Issa urganizazione hè ricunnisciuta à un livellu più maiò (UMR : Unità Mista di Ricerca di u CNRS). Dui esempii pè esse cuncreti : i DVD d’amparera di a lingua Incorsu è InCorsu+ (tema 2), l’attività di l’Acquacultura è a Facultà Mundiale di l’Acqua (tema 4).


Allora, serete un presidente cuntentu, fieru è sudisfattu chì s’ampara è si cerca in Corti cum’è in altrò ?

Ùn ci ne piglia picondria chì ùn manca l’attività ! Ognunu chì travaglia in Corti sà quant’ellu vale d’esse indiatu in un’opera cullettiva. Cum’è in tutti i lochi duv’ellu ci hè pupulazione da mantene cun attività, stantapane è sviluppu da assicurà à tutti, ci hè da fà per curà u presente è scumbatte cù i bisogni di furmazione è ricerca. Ma ind’è noi, à l’università li vene un’altra missione, à prò di una trasfurmazione prufonda di a vita suciale. Cù i so 20000 diplumati dapoi u 1981, l’opera intrapresa pò pretende di mette in ballu una sucetà nova. Quessa, a vecu fundata nantu à a cunniscenza...


Dunque, una sucetà chì conta nantu à un sapè forte, generale è tecnicu, attu à cuntrullà u sviluppu ecunomicu ?

A cunniscenza ùn hè solu ciò chì si ampara à a scola. Circà un livellu altu, scumpete per l’eccellenza hè l’ambizione cumuna di ogni stabilimentu d’insignamentu superiore, ma à a Corsica ùn li basta issa missione. U sapè scentificu è tecnulogicu nè empie tutta a cunniscenza nè si cunfonde cun quessa. A cunniscenza ch’e’ intendu eiu hè un capitale è un valore in a mudernità. Ma ci vole à nutrisce unu è l’altru cù a cumpetenza. Or quessa custì posa nantu à u pusessu di a cultura (l’ambiente, u patrimoniu, i sapè fà ereditati) è e varie manere di usà la in un cuntestu mudernu segnatu in ogni locu da a mundializazione. Hè propiu custì chì l’università hè un veru laburatoriu duv’ellu si inventa l’avvene di a Corsica...


À traversu à l’innuvazione ?

L’innuvazione sì, ma guidata è apparinata da a capacità di capisce è di agisce nantu à u territoriu specificu di a Corsica. Ne rivengu à i sei prugetti di ricerca chì insegnanu a forma sputica di a cumpetenza da sviluppà è da appiicà nantu à u territoriu è da purtà fora.


Ùn si ritrova, in issa idea, u vechju cuncettu di l’isula- laburatoriu ?

U spiritu ùn hè quessu ! Ùn si tratta di pruvà le tutte, in tutti i sensi è incù una creatività spapersa. Si tratta puru di riesce, individualamente è inseme, duv’è no simu stati privi sinu ad oghje. In un certu modu a Corsica si hè insitata nantu à a sucetà di cunsumu, direttamente. Senza transizione. Hè mancata a tappa di a sucetà industriale. Direttamente da u spaziu di l’agrupasturale à l’universu di u cunsumu. È cusì si spieca ch’è no’ campimu à l’inforse, arricugliendu brisgiuli, quandu chì e nostre risolse ci puderianu fà divizia. Intraprende ind’è noi è da quì, a sapemu fà pocu è micca.


“Corsica ùn averai mai bè”... saria quella fatalità corsa ?

Mi pruvucate ! Fatalità ùn ci ne hè! Si tratta di custruisce una sucetà nova. Micca à scimesca, ma mettendu ammanite e cumpetenze ch’e aghju dettu. Un avvene si ammaestra impalcatu nantu à duie forze : a cunniscenza offerta à tutti è un statutu di citatinu corsu portu à tuttognunu chì si vole assume tale.


Ma issa vuluntà d’esse corsu ùn posa nantu à un prugettu puliticu ? Surtimu da u duminiu di a furmazione è di a ricerca ?

Mancu à pena ! Hè pulitica sì, à livellu altu è nobile. L’università hà sensu in e pruspettive aperte pè a sucetà corsa. I Corsi anu bisognu di sperà è d’intraprende, quant’è l’altri. Dumane si intreccia digià in u nostru presente. L’utopia pusitiva hè digià in ballu in i fatti. A vuluntà di esse corsu si verificheghja tutti i ghjorni. Ci vole à dà li un sboccu sicuru, fendu la finita cun l’impressione è l’incantazione. Ogni citatinu corsu hà duvere d’arricà a so parte sputica à u sviluppu cumunu, cù u rispettu di a cultura, ma dinù cù a patrunanza di a terra. A cunniscenza cumu a vecu hè custì ch’ella busca u so sensu per l’avvene di a nostra sucetà. A vuluntà d’esse corsu chere u sviluppu persunale è cullettivu, vole dirittu à u travagliu degnu di ciò ch’omu hè. Ùn hè lascita agrancata, hè custruzzione chì posa nantu à trè fundamenti : cunniscenza, cultura è cumpetenza.