Accolta
Accolta Cap'articulu Interviste Attualità Cultura Crunichette Sport Lingua


Articulu di u numaru 7, Sittembre di u 2007


Version française

Francesco Domenico Guerrazzi dedicheghja u so' “Pasquale Paoli” à Garibaldi



U Livurnese Francesco Domenico Guerrazzi fù unu di i capimachja di u Risorgimento.

Scrittore ingagiatu è “rabbioso” fù inoltre l'autore di i rumanzi storichi : “La battaglia di Benevento” dedicatu ad Angelica Bartolomei nata Palli (1), “L'assedio di Roma” induv'ellu esalta l'episodiu rumanu di a gesta garibaldiana.

Omu d'azzione è di mossa, cun Mazzini è Montanelli, fece parte di u triumviratu, u quale guvernò a Tuscana (1848 - 1849). Fece soie l'idee antipapiste di Garibaldi è dinù l'ostilità di u generale riguardu à a pulitica “vulpina” di Cavour, quellu chì cedò Nizza à a Francia.

A Corsica, induv'ellu fù esiliatu da 1853 à 1856 li inspirò parechji libri (“La torre di Nonza”, “La storia di un moscone” è u celebre “Pasquale Paoli ossia la rotta di Ponte Nuovo.”) Iss'ultimu rumanzu storicu fù publicatu in lu 1860. A so' reedizione in lu 1864 fù preceduta da una dedica à Giuseppe Garibaldi, l'eroe di l'espedizione di e Mille, ossessu ch'ellu era da a ricunquista di Roma è di Venezia.

Francesco Domenico Guerrazzi li rammenta a redita di Benjamin Franklin fàtta à George Washington : “Un bastone di sorbo selvatico” (2) precisanduli chì stu bastone, pè a spassighjata ùn era ma solu per dà baterchjate à quelli chì pensanu ch'ellu si ferà l'unità di l'Italia mendicandu.

Ramentendu a dedica ch'ellu fece Vittorio Alfieri à Pasquale Paoli di a so' tragedia "Timoleone", Francesco Domenico Guerrazzi cunsidereghja chì Garibaldi hè più grande chè Paoli u quale pensava “Provvedere alla Patria e a la Liberta con l'aiuto straniero”. In modu nettu è chjaru, u livurnese enuncia : “La somma Providenza ha ordinato, che dalle mani dei Tiranni e degli Stranieri altro non possa uscire eccetto odio, fraudi e catene.” A so' ricummandazione à Garibaldi hè furmale : Si u generale vole firmà " Una speranza d'Italia " deve cuntà solu nantu e so' forze proprie (fare da sè) è micca nantu à u sustegnu di u strangeru, ciò chì d'apressu à Guerrazzi, fece a debulezza di Paoli.

Di u fiascu di Pasquale Paoli, eccu a lezzione ch'ellu ne dà.

Marie-Jean Vinciguerra, Traduzzione corsa di Petru Vachet-Natali

(1) Vede l'articulu : "Angelica Palli, musa di u Risorgimentu, canta à Pasquale Paoli." in "A Nazione" Nu.2.
(2) In Francese : Un bâton de sorbier sauvage.