Accolta
Accolta Cap'articulu Interviste Attualità Cultura Crunichette Sport Lingua


Articulu di u numaru 5, Ghjugnu di u 2007



U Pasquale Paoli d’Andria Fazi

un opera maestra



In issa annata di cummemurazione di a morte di Pasquale Paoli, ci pare impurtante di ramintà chì, trà mezu à i numarosi libri scritti nantu à u Babbu di a Patria, in lingua francese è in talianu, ci n’hè unu scrittu in lingua nustrale, u « Pasquale Paoli è a Rivuluzione di l’89 » di u ben di Andria Fazi.

Ghjè dinù l’occasione di rende umagiu à issu militante di prima trinca di a cultura è di a causa corsa. Fù elettu à l’Assemblea di Corsica induve nimu ùn s’hè scurdatu d’ellu. Quand’ellu hè mortu, in 1989, u Presidente di l’Assemblea, Ghjuvan Paulu di Rocca Serra, hà prupostu di crea un « Premiu Andria Fazi ». Issu premiu hè rimessu tutti l’anni à i giovani chì anu avutu e note più alte in lingua corsa à u baccaloreatu. U « Pasquale Paoli » di Andria Fazi hè una opera maestra. Incù a so lingua linda, a so cultura è a so cunniscenza di a nostra storia, l’autore ci parla di a Corsica di l’89, di Bonaparte, di Paoli è d’Elliot… Schjarisce dinù uni pochi di punti storichi induve d’altri anu purtatu a cunfusione. Eccu ciò ch’ellu scrive nantu à quellu famosu dicretu di 1789(1) :

« Di istu dicretu di u 30 nuvembre, tuttu un currente storiograficu hà vulsutu fà ne, l’attu d’integrazione « definitivu » di a Corsica à a Francia, un attu chì avaria scatinatu in tutta l’isula feste è manifestazioni populari di gioia. (…)

U simplicisimu di simule affirmazioni avaria da esse evidente. Quale eranu i riprisententi di a Corsica à l’Assemblea ?

- Per u cleru, Carlu Antone de Peretti della Rocca, un nobile.
- Per a nubiltà, u Conte Matteo di Buttafoco, maresciale di campu di l’armate di u Rè, fattu da questu, conte è pruvistu in terre è in soldi, per prezzu di u so tradimentu di u 1768.
- Per u terzu statu, Cristofanu Salicetti avucatu à u Cunsigliu Superiore, è u conte Petru Paulu Colonna di Cesari Rocca.

Eranu stati eletti in Bastia, è micca senza cuntrastu (l’elezzione durò più di quindeci ghjorni) da ottanta quattru « diputati di e ghjuridizzioni », tutti scelti da l’autorità frà i sgiò, è duv’elli si truvavanu quasi tutti quelli chì avianu benefiziatu di l’editu d’annubilimentu di u 1770. È di più, a scelta fatta, era stata dopu sottumessa à u guvernatore per accittazione.

In fatti, quessi i riprisentanti eranu tutti “figlioli di a cunquista è privileghjati selezziunati di l’occupazione”2. »


Tuttu hè dettu.

Ghj. G. Talamoni

1. Pasquale Paoli è a Rivuluzione di l’89, La Marge édition, Aiacciu, 1989, p. 62.
2. Quì, nota Andria Fazi : « Vede Pasquale Marchetti, Une mémoire pour la Corse. »