Accolta
Accolta Cap'articulu Interviste Attualità Cultura Crunichette Sport Lingua


Articulu di u numaru 2, marzu di u 2007



CHJAMI AGHJALESI

30 anni di militantisimu disinteressatu





1977

Eranu elli ‘ssi zitelli
chì si pruducianu in ogni locu duv’ellu c’era bisognu : una mossa, una chjama, una speranza, una festa o per disgrzia un dolu.

Eranu elli ‘ssi zitelli chì cantavanu in testa di e manifestazioni accumpagnandu un populu rivultatu, passu à passu, fiancu à fiancu à ogn’unu di noi altri sottu à e nostre bandere sempre più alte è sempre più fiere.

Eranu elli à mantene a fiaccula di a speranza in ogni core militante, in ogni casa, paese o cità.

Canti d’amore, canti di lotta, canti di fratellanza è di Libertà, canti di nustalgia, canti d’indipendenza contru à l’inghjulia è l’inghjustizia… Canti ripigliati da tutt’un populu vivu chì cantava a lotta d’indipendenza…


2007

Sò sempre elli issi zitelli
pronti à rende serviziu.

Sò sempre elli issi zitelli ad esse sempre quì senza scaglià, senza interessu, ùn ci hè tantu à correli appressu. Ben ch’ell’ùn sia per elli una prufessione, chì ogn’unu d’elli tene un impiecu differente, sò propiu prufeziunali di gran’talentu, di rinomina internaziunale, è quessa, senza imbuffassi d’orgogliu è di pritensione ; di più anu per elli u curagiu è a fideltà di cantà per a nostra Nazione, à l’ora duve ell’hè più di moda ind’è certi di calà u capu di pettu à l’oppressione, o di fà nice chì tuttu và bè, scusandusi quasi d’esse Corsi… Innò chì i Chjami Aghjalesi ùn so di quessi !

Sò sempre elli ‘ssi zitelli à facci sunnià d’una Corsica di fratellanza ritruvata, d’una Corsica di cumbatti, chì cù certi ùn ci anu signatu patti.

Sò sempre elli ‘ssi zitelli à parlacci di i nostri prigiuneri è di e disgrazie accadute st’ultimi mesi à i nostri fratelli sacrificati.

So sempre elli à dicci i so affanni cantandu a Nostra Terra invasa, marturiata, calcicata, cimentata è brusgiata.


Stringhjilu tù ‘ssu pezzacciu di carbone…
Annacquaci tù duv’ hè passatu lu focu…
eiu ùn possu più

Per ste famiglie stirpate
à l’entre di u mondu novu…
Per ste terre abbandunate… ti stupu in faccia
Per tanti chì so cascati… ti stupu in faccia
Per sta lingua pruibbita… ti stupu in faccia
Per i zitelli insischiti à e porte di e scole
Per l’inghjulia è e miserie
chì sò in le mio canzone
Per u core chì si stringhje
ghjuntu l’ultimu dispacciu…
Ti stupu in faccia

Viaghja denti stretti…
rumpendu e catene è brusgiandu e fune,
mandandu à caternu à chì ci s’inframette…
Ma guarda lu to fratellu li stringhje una catena
a listessa chè a toia… à noi tutti ci mena.
Aghju cridutu di sente…
un populu vivu è centu mila guerrieri…

Un abbracciu à sti zitelli fieri.

Antone FILIPPI