Accolta
Accolta Cap'articulu Interviste Attualità Cultura Crunichette Sport Lingua


Articulu di u numaru 15, Lugliu di u 2008


Chì repùblica ?



A u principiu di u so guvernu, quellu chì avìa da diventà Napuleone III, ùn hubbe tantu bisognu d’aduprà a forza armata per chjappassi u putere.

Arricurdèmuci chì ind’u 1848 fubbe ellu elettu deputatu in parechji dipartimenti induv’ellu ùn era mancu candidatu. È pocu dopu fubbe elettu Presidente cù una magiurità impurtantìssima. Affare ratificatu da u plebiscitiu di Lugliu 1852 seguitatu da un altru chì u purtò à l’imperiu di Dicembre di u listessu annu.

Hè forse da custì ch’ella hè venuta à u novu imperatore una furtìssima antipatìa da a manca francese è da tutti quelli chì si prutèndenu prugressisti perchì u reinu di Napuleone III ùn fubbe mancu unu di i peghju ch’ella cunnuscì a disgraziata Francia. Hè certa ch’ellu hà ellu sempre sunniatu d’un “guvernu forte” è chì l’edee di demucrazia ùnd’u disturbàvanu tantu è da u 1852 à u 1860 ci fù ciò chì si chjamò “l’imperiu autoritariu”. Po una certa liberalisazione s’affaccò cù u guvernu di u Primu Ministru, Ollivier.

In i so duii imperii, Napuleone III fece intraprende grandi travaglii è assicurò l’infrastrutture per permette u sviluppu industriale è agrìculu.

Avà, hè più chè certa chì libertà ùn ci ne era tante ma durante a so longa prigiunìa ch’ellu avìa patutu ind’u forte di Ham, avìa ellu studiatu l’edee di Saint-Simon è ellu ne era statu toccu. Pruvò ellu, dopu à esse ghjuntu à un putere assulutu, à mèttele in vigore. E cunquiste culuniali avìanu digià principiatu è l’imperu ne pigliò a so parte. A diplumazìa era per u più assicurata da a forza di l’arme è, in sopra à più, averà sunniatu Napuleone III à apparagunassi cù u so grandìssimu Ziu. À u principiu l’affari parìa ch’elli li vulìssinu surride : e cunquiste militari davanti à pòpuli pocu capaci di resiste andàvanu à prò sòiu è a campagna di Crimea, appughjatu ch’ellu era da l’Inglesi, parìanu avè fattu ritruvà à a Francia e so virtù di cunquista. Ma l’affari principionu à andà da male in peghju.

Ci fùbbenu dunque cunquiste culuniali (chì tandu èranu à a moda) è d’èssesi impachjatu di l’unità taliana fece guadagnà à a Francia a Savòia è Nizza. Ma a guerra di Mèssicu ùn fubbe cusì felice. È pò vense a disgraziata guerra contru à a Prussia chì mal preparata si terminò cun un scumpientu maiò chì si purterà à u sprufondu u Secondu Imperu. I Prussiani ghjùnsenu in Parigi è à Napuleone III li tuccò di pigliàssine torna a strada di l’esiliu voltu l’Inguilterra. À u fondu Napuleone III ùn fubbe mancu u peghju à monarcu di Francia è forse ci turneremu à vultà. Ma fermò sempre u ricordu di a so presa di putere è i “prugressisti” francesi mai a li perduneranu. Per a Corsica, fece assai di più chè qualunque altru, ne avemu parlatu, ma per i Corsi, qualchidunu chì era cusì mal vistu da i Francesi ùn pudìa chè esse pèssimu ancu per i Corsi. Ùn èranu stati tantu, i Corsi, à pensà cù u cervellu di l’altri, u mudellu di Pòpulu Superiore.

(a sèguita à a pròssima)

Francescu Maria PERFETTINI